14.2 C
Verona
3 Marzo 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Utenti in coda in strada ad Equitalia. Duri i sindacati: «Incapaci»

La scure di Equitalia su Luca Laurenti

«Quello che sta accadendo in queste ore agli uffici di Equitalia a Verona è l’ennesimo segnale dell’imbarazzante incapacità organizzativa dell’azienda». A dirlo sono le rappresentanze sindacali di Fabi, First-Cisl, Fisac-Cgil, Ugl e Uilca-Uil.

«I due mesi di condono hanno fatto emergere tutta l’inadeguatezza organizzativa di Equitalia in termini di programmazione operativa e servizio fornito all’utenza. Inoltre gli ultimi due giorni, il 20 e il 21 aprile, saranno presumibilmente “ingestibili” – dicono i sindacati -. Ancora nel luglio del 2015 abbiamo chiesto alla direzione aziendale di applicare le previsioni contrattuali che avrebbero dato la possibilità di un più lungo orario di apertura dello sportello perché già allora, pur in momento di attività “ordinaria” la situazione era assai complicata: Equitalia ha rifiutato dichiarando che non sussistevano i presupposti. Oggi siamo a questo punto, con gli utenti che si riversano in strada ad attendere di poter entrare nei locali saturi con tempi di attesa sempre più lunghi».

«L’evento non era imprevedibile ma bensì previsto da mesi – rincarano i sindacalisti -. Solo il profondo senso di responsabilità delle colleghe e dei colleghi che ogni giorno sono quelli che davvero ci mettono la faccia e che ben oltre i loro doveri cercano in ogni modo di aiutare i cittadini sta consentendo di non collassare definitivamente. È inaccettabile che Equitalia, presidio dello Stato sul territorio, prosegua con una gestione dilettantistica di un servizio così importante per la cittadinanza. Dal 1° luglio Equitalia cambierà nome e assetto: ci auguriamo a questo punto che cambi anche il top management perché non è sufficiente riportare denaro nelle casse dello Stato ma bisogna farlo con rispetto dei lavoratori e soprattutto dei cittadini».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, Progetto Fuoco chiude con 45mila operatori professionali nei padiglioni (+12% estero)

massimo

Lavagno, il farmacista Vanzan candidato a sindaco unitario per il centrodestra

massimo

San Bonifacio, sorpreso in uno stabile abbandonato con della refurtiva, minaccia i Carabinieri con un coltello

massimo

Legnago, l’onorevole Maschio impone Longhi come candidato e il centrodestra si spacca

massimo

Isola della Scala, lettera aperta di Canazza al consiglio comunale: «Sulla piazza accogliamo all’unanimità la richiesta di un referendum»

massimo

Valeggio sul Mincio, piove in classe al Carnacina e gli studenti scioperano appoggiati da genitori e insegnanti

massimo