23.1 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca Cronaca Est Veronese In evidenza ultimaora

Val d’Illasi, al via dalla Regione lavori per 2,5 milioni per mettere in sicurezza il torrente

Sono stati consegnati nelle scorse settimane i lavori del tratto terminale dell’asta fluviale del torrente Illasi, dallo scarico nel canale Sava fino al ponte Carrozza, che interessano i comuni di Caldiero, Colognola ai Colli, Lavagno e Zevio.

«Al fine di garantire una maggior efficienza idraulica del corso d’acqua – spiega l’assessore regionale al Dissesto idrogeologico, Gianpaolo Bottacin – e nel contempo aumentarne la sicurezza con l’incremento del franco, le nostre strutture regionali del Genio Civile hanno progettato un abbassamento del fondo mediamente tra l’1,5 e i 2 metri, che sarà attuato con opere di sottomurazione e sottofondazione. In questa fase sono stati avviati gli sfalci, prodromici all’intervento vero e proprio».

La parte di fiume oggetto dell’intervento, pari a circa 5.800 metri, è costituito da due diverse particolari tipologie d’alveo: la prima posta più a valle, vede un alveo a sezione trapezia con pendenza motrice pressoché nulla e spesso invasa da depositi alluvionali limosi sabbiosi; la seconda, a monte, è invece caratterizzata da alveo a sezione rettangolare e fondo ghiaioso sabbioso, con difese a tratti ammalorate. L’unione fisica dei due tratti d’alveo è garantita dalla briglia posta immediatamente a valle della strada Porcilana.

«Il progetto, per il quale abbiamo impegnato 2,5 milioni di euro – spiega l’assessore – punta ad aumentare la sicurezza del torrente Illasi, caratterizzato da forte pensilità e attraversato da importanti manufatti infrastrutturali. Il potenziamento arginale nel tratto posto più a monte, la vasca di raccolta dei sedimenti alla confluenza del torrente Mezzane, nonché l’allargamento delle sezioni con l’abbassamento del fondo alveo nel tratto terminale, andranno a ripristinare la piena funzionalità idraulica del corso d’acqua».

Per quanto riguarda l’intervento posto immediatamente a monte del ponte della Strada Provinciale 37 Porcilana e fino al ponte Carrozza è previsto l’abbassamento medio dell’alveo di circa 1,5 metri, ritenuto sufficiente per assicurare il transito delle portate di piena. Il ponte della Porcilana costituisce il punto di partenza dell’intervento, con l’eliminazione della briglia situta immediatamente a monte dell’attraversamento. Viene prevista inoltre la ricostruzione di una briglia a metà percorso ed alcune sottomurazioni di difese spondali interne all’alveo. L’intervento si rende necessario anche per ricalibrare la sezione idraulica del corso d’acqua in corrispondenza dell’attuale ponte Carrozza.

I lavori dovrebbero essere completati con l’inizio del 2023.

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo