22.5 C
Verona
25 Luglio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Valeggio sul Mincio, scoppia il caso dell’ospedale riaperto ma classificato come “altro”. La Cgil: «Costerà ai cittadini più che andare dal privato convenzionato»

Riparte l’ospedale di Valeggio sul Mincio ma la Cigl avverte: «Non è di comunità, visto che è classifico come “Altro” perché i posti di comunità l’Ulss 9 li ha dati alla Clinica Pederzoli di Peschiera del Garda». La scoperta l’ha fatta la segretaria della Funzione Pubblica della Cgil Veronese, Sonia Todesco, andando a scartabellare tra le delibere dell’Ulss 9 dopo che il 5 maggio il direttore generale della Ulss 9, Pietro Girardi, nella sua videoconferenza sul Covid 19 ha annunciato la partenza dell’ospedale di Comunità di Valeggio con 12 posti letto il 4 maggio e altri 12 dal 1° giugno. «Ho verificato ed ho scoperto che il giorno prima, il 4 maggio, era stata pubblicata sull’albo on line dell’Ulss 9, all’insaputa di tutti, la Delibera n. 343 del 30 aprile che assegnava, dal 4 maggio, al privato “Pederzoli” la gestione di ulteriori 24 posti letto di Ospedale di Comunità – spiega Todesco -. Naturalmente per l’emergenza Covid e naturalmente in deroga all’accreditamento e alle schede regionali che non li prevedono, mentre ne prevedono altri che non si aprono».

Ma non finisce qui. «Nella videoconferenza il direttore generale non ha citato le condizioni economiche di accesso che dovranno sostenere i cittadini ricoverati all’ospedale di Valeggio. Condizioni che differiscono molto da quelle che sosterranno gli stessi cittadini afferenti all’Ospedale di comunità della Pederzoli – continua la sindacalista della Cgil -. In base alla classificazione della struttura di Valeggio fatta dalla Ulss 9 chi verrà ricoverato a Valeggio sarà esente dal ticket fino al 30° giorno, e dovrà pagare una tariffa giornaliera di 25 euro dal 31° al 60° giorno di ricovero e di 45 euro dal 61° a giorno in poi; mentre all’ospedale di comunità della Pederzoli si pagherà il ticket solo dopo il 60° giorno, pari a 25 euro dal 61° al 90° giorno, e 45 euro dal 91° giorno di ricovero. Si colgono ampiamente gli svantaggi per coloro che accederanno alla struttura gestita direttamente dalla Ulss 9. Praticamente un incentivo a disertare la struttura pubblica e un trattamento diverso ai cittadini che accedono alla medesima tipologia di offerta».

«Una scelta inaccettabile di cui chiediamo conto alla Regione Veneto. Che spieghi il significato di aprire posti letto Covid presso una struttura privata e, contemporaneamente, svuotare i posti letto Covid presso le strutture pubbliche con applicazione di tariffe diverse per i cittadini – conclude Todesco -. Sarà contento l’ex assessore regionale alla sanità Luca Coletto, di Valeggio, che da lontano avrà telepaticamente ispirato il direttore generale dell’Ulss 9 ad aprire finalmente l’Ospedale di Comunità di Valeggio. Pronto e inutilizzato da anni. Sarà un po’ meno contento il sindaco di Valeggio e i sindaci del territorio quando dovranno spiegare ai loro cittadini vi accederanno a costi decisamente più alti rispetto ai due ospedali di comunità assegnati alla Pederzoli».

Condividi con:

Articoli Correlati

Tumore al pancreas, Verona e Roccella Jonica insieme per curarlo con una borsa di studio dedicata a Elisa

massimo

Bardolino, tedesco ricercato per omicidio doloso e furto arrestato dalla Polizia municipale

massimo

Viabilità, riaperta ieri la Provinciale 20 tra Nogara e Salizzole

massimo

Verona, 33 arresti contro la rete di criminali che rapinava, scippava, aggrediva persone davanti alla Stazione

massimo

Malcesine, precipita con il parapendio lanciandosi dal monte Baldo: morto

massimo

Verona, consegnate da Tosi e Bisinella al carcere di Montorio 11 tonnellate di piastrelle per rifare le docce

massimo