19.5 C
Verona
25 Settembre 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Valpolicella

Valpolicella, la Corte d’Appello di Venezia da ragione al Consorzio: «Nullo il marchio Famiglie dell’Amarone d’Arte»

Il presidente del Consorzio del Valpolicella, Andrea Sartori

Il consiglio di amministrazione del Consorzio tutela vini Valpolicella ha deciso, oggi, all’unanimità di dare corso integralmente a quanto disposto dalla sentenza nr. 4333/2019 della Corte d’Appello di Venezia in merito alla causa civile promossa in appello dalla compagine ‘Le Famiglie Storiche’ e dalle sue aziende associate. Nel merito, la sentenza ha respinto l’appello de ‘Le Famiglie Storiche’ (ex Famiglie dell’Amarone d’Arte) e conferma integralmente e in ogni sua parte quanto stabilito dal giudizio di primo grado.

Il Consorzio tutela vini Valpolicella, nel ritenere doveroso procedere in ragione dei princìpi e dei doveri statutari attribuiti dal ministero delle Politiche agricole Alimentari e Forestali, considera esemplare e destinato a fare giurisprudenza internazionale quanto accertato dalla sentenza in materia di difesa e tutela di patrimoni collettivi quali sono le denominazioni. L’auspicio del Consorzio è che d’ora in poi vi sia una presa di coscienza dei singoli tornando a discutere in modo corale e più sereno della crescita di una denominazione tra le più apprezzate al mondo.

Nel merito, la Sezione specializzata in materia d’impresa presieduta da Guido Santoro ha confermato tra l’altro gli atti di concorrenza sleale, ha ribadito il divieto all’utilizzo del nome ‘Famiglie dell’Amarone d’Arte’ oltre alla conseguente nullità del marchio e del cosiddetto Manifesto dell’Amarone d’Arte. Resta poi confermato l’obbligo di rimozione dalle etichette del marchio ormai nullo e quello di pubblicazione della sentenza su 2 tra i principali quotidiani italiani con spese a carico dei convenuti. La Corte d’Appello ha infine bocciato anche la valutazione sulla validità del marchio della compagine privata espressa dall’ufficio Euipo (Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale).

Condividi con:

Articoli Correlati

Buttapietra, due operai cadono dall’alto in un cantiere: sono gravi

massimo

San Bonifacio, bimbo di 7 anni investito in piazza Costituzione

massimo

Veronafiere lancia la nuova manifestazione “Fieragricola Tech”, dedicata all’innovazione in agricoltura

massimo

Velo Veronese, uomo di 73 anni investito da un trattore: è grave

massimo

Bovolone, donato dal Comune all’ospedale S. Biagio un ecografo

massimo

Legnago, nuovo caso umano di West Nile Disease scoperto il 16 settembre

massimo