12.2 C
Verona
20 Ottobre 2020
Economia Economia Economia Est Veronese In evidenza ultimaora Valpolicella

Vendemmia, oltre 50 italiani assunti grazie ad Agribi

La vendemmia veronese del 2020 sarà ricordata come quella del ritorno dei lavoratori italiani tra i filari, e non solo di studenti e pensionati ma di persone di tutte le età rimaste senza occupazione in conseguenza dell’emergenza Covid. È quanto emerge dall’osservatorio di Agribi, ente bilaterale per l’agricoltura veronese, che sta raccogliendo i frutti della semina fatta con il servizio di incontro tra domanda e offerta di lavoro, lanciato a fine aprile in collaborazione con Veneto Lavoro. Un’intermediazione che sta prendendo piede incontrando il gradimento delle aziende, che possono disporre di uno strumento efficace e veloce per il reperimento di manodopera.

«Con la vendemmia abbiamo avuto una quarantina di aziende che si sono rivolte a noi per reperire lavoratori – spiega Sabrina Baietta, referente per i servizi al lavoro di Agribi, ente di cui fanno parte Coldiretti, Confagricoltura, Cia , Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil -. Finora sono andate a buon fine una cinquantina di assunzioni. Buoni numeri, considerato che si tratta di un quinto dei 250 colloqui effettuati andato a buon fine. Stiamo notando che da parte degli imprenditori agricoli c’è un risveglio dell’interesse verso il lavoratore italiano e che, soprattutto in Valpolicella, sono state assunte persone residenti in zona. Non solo giovani e pensionati già impiegati in passato nella vendemmia, ma di tutte le età, provenienti dalle sfere del commercio, della ristorazione, del turismo. Molti erano rimasti temporaneamente senza lavoro a causa della pandemia, mentre altri farebbero dell’agricoltura la loro professione, se ci fosse la possibilità di avere un impiego continuativo. E la possibilità ci sarebbe, perché dopo la vendemmia c’è la raccolta dei kiwi che chiude l’anno e poi in gennaio si riparte con la potatura e quindi si continua con tutte le raccolte di frutta e ortaggi».

I numeri confermano che, se la maggioranza dei lavoratori rimasti disoccupati o cassintegrati è tornata alla collocazione precedente all’emergenza Covid, una parte è invece ancora in cerca di lavoro. Su 1.200 curricula raccolti da aprile a maggio, nella banca dati di Agribi ne sono rimasti circa 300. E si tratta di lavoratori che sarebbero disponibili a fare formazione e riqualificarsi per trovare posto in agricoltura.

«Quello che vorremmo come ente è di offrire le competenze professionali di cui le aziende agricole hanno bisogno e nel massimo rispetto delle norme di sicurezza – sottolinea Giuseppe Bozzini, vicepresidente di Agribi Verona -. Dev’essere chiaro che non ci interessa sostituirci ai centri per l’impiego, ma favorire l’incontro tra la domanda e l’offerta in agricoltura in maniera trasparente e con il sostegno di un’adeguata formazione professionale ai lavoratori per rispondere alle richieste di manodopera qualificata di cui gli agricoltori veronesi necessitano. Il nostro sogno sarebbe quello di far tornare i lavoratori italiani in agricoltura proprio grazie all’acquisizione di competenze specifiche, che assicurino da un lato produzioni di qualità e dall’altro retribuzioni soddisfacenti. Con una buona formazione si possono creare figure professionali utili non solo per lavori a tempo nelle raccolte nella frutta, ma impegnati tutto l’anno nelle varie fasi della campagna e tipologie di prodotti. Proprio su questo stiamo lavorando con Veneto Lavoro per accreditarci, in futuro, come interlocutori diretti per fare formazione specifica dei lavoratori, mirata a tradursi in occupazione stabile e qualificata. Solo così potrà emergere un’agricoltura di qualità, appetibile sia per i lavoratori italiani sia per le aziende».

L’azienda vitivinicola Villa Spinosa di Negrar è tra quelle che più si sono avvalse del nuovo servizio di Agribi. Sono ben dieci, infatti, i lavoratori assunti per la vendemmia in Valpolicella. «Da parecchi anni avevamo una squadra di raccoglitori che veniva dalla Polonia – racconta il titolare Enrico Cascella Spinosa -, ma quest’anno, a causa della pandemia, non sono arrivati. Così, attraverso Agribi, abbiamo trovato manodopera locale. Sono persone di tutte le età, dal giovane di 20 anni a quello di mezza età. C’è chi lavorava al bar, chi in pizzeria, chi in negozio: non hanno esperienza in agricoltura, ma con un po’ di addestramento possono imparare. L’iniziativa di intermediazione di Agribi è stato prezioso, perché anche se viviamo nell’era della comunicazione si fa fatica a trovare ciò che corrisponde alle proprie esigenze. Perciò auspichiamo che, al di là dell’emergenza Covid, questo servizio divenga qualcosa di durevole nel tempo e sia un punto di riferimento delle aziende nel fornire manodopera con le competenze necessarie per lo svolgimento delle diverse mansioni in campagna».

Articoli Correlati

Nogara, l’Open Day di “Sei nel posto giusto” sarà solo sul web

massimo

Verona, da giovedì il punto tamponi di Borgo Trento aperto a tutti

massimo

Coronavirus, Zaia lancia un piano in 5 fasi. Ma in Veneto Immuni ancora non va

massimo

Verona, al Modus Maria Pilar Perez Aspa in “Racconti di Zafferano”

massimo

L’infermiera-eroe premiata da Mattarella: ha preso il Covid per assistere un’anziana

massimo

Verona, prende a pugni l’ex fidanzato: arrestata

massimo