26.2 C
Verona
13 Luglio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, 5 arresti dei Carabinieri di Parona per truffe ad anziani

Dall’alba, su delega della Procura di Verona, i Carabinieri del Comando Stazione Parona Valpolicella, coadiuvati dall’Arma locale e supportati dai comandi dell’Arma territorialmente competenti, hanno eseguito misure cautelari nella provincia di Brescia, emesse dal Gip del Tribunale di Verona, nei confronti di 5 persone (1 in carcere e 4 ai domiciliari), indiziati di aver commesso, a vario titolo, nella città scaligera una serie di truffe in danno di anziani.

Le indagini, condotte dal reparto sotto la costante direzione della Procura Scaligera, hanno permesso di raccogliere una serie di gravi indizi nei confronti di 6 soggetti in totale, tutti residenti nel bresciano e operanti nel veronese, responsabili di circa 15 episodi di truffa, consumati tra novembre 2022 e giugno 2023.

Un vero e proprio sodalizio dedito alla vendita ed all’installazione domiciliare di rilevatori di gas/antincendio superflui in abitazioni di persone di età avanzata, previo pagamento di somme spropositate rispetto all’effettiva prestazione resa.

Nello specifico, i rei, dopo essersi qualificati quali tecnici delegati da enti statali/regionali/comunali, convincevano gli anziani ad acquistare apparecchi non obbligatori ed a siglare un contratto di assistenza fittizio. Successivamente, all’atto del pagamento con strumentazione Pos incrementavano esponenzialmente il prezzo precedentemente pattuito (anche di 10 volte), all’insaputa dei clienti.

Altresì, in alcune occasioni, gli stessi verosimilmente apponevano falsi avvisi cartacei negli androni dei condomini d’interesse per legittimare i loro controlli agli impianti degli appartamenti privati nei giorni successivi e, pertanto, per rassicurare i residenti sulla bontà delle loro attività.

Nel corso dell’operazione nelle abitazioni degli indagati sono stati trovati almeno 1000 volantini di “avviso ai cittadini” dello stesso tenore, oltre a svariati Pos, rilevatori di fumo ed una casacca da tecnico. Infine, è stato rinvenuto un insolito “decalogo” in cui venivano riportate modalità, schemi e frasi/parole chiave per rapportarsi con i potenziali clienti.

Grazie al meticoloso lavoro svolto dai Carabinieri, le indagini hanno portato all’identificazione di un capo banda, un pregiudicato 57enne, titolare di una ditta cui erano rivolti i proventi delle truffe attuate, successivamente tradotto in carcere. Gli altri indagati, tutti italiani di età compresa fra i 30 e i 40 anni, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, eccetto un 35enne, residente in provincia di Mantova, che è stato denunciato a piede libero, con il supporto del comando territorialmente competente.

Condividi con:

Articoli Correlati

Albaredo d’Adige, scomparso l’ex sindaco Erminio Guzzo: fu l’ultimo della Dc

massimo

Verona, un morto sulla Serenissima questa notte nello scontro tra due auto

massimo

Verona, festa della Cgil venerdì sabato e domenica nell’area verde davanti alle Piscine Santini

massimo

Legnago, scintille tra Ambrosini e il neosindaco Longhi nel primo consiglio della nuova amministrazione

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) è campione europeo nell’inseguimento a squadre

massimo