34 C
Verona
18 Luglio 2024
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Verona, al via la settimana “Africa Short” del “Cinelà” Festival di Cinema Africano e Oltre 

La settimana “Africa Short” del “Cinelà” Festival di Cinema Africano e Oltre si apre lunedì alle 19,30 con la degustazione di cibi della Guinea Conakry, grazie alle laboriose mani delle “Stuzzicherie di Faty” e ai piatti proposti da Famiglie in Rete. La serata cinematografica inizia alle 21,30, al Cinema all’aperto Santa Teresa (cortile interno dietro i parcheggi in via Molinara 23 in Borgo Roma a Verona) con tre cortometraggi in programma.

Algeria, Marocco, Guinea Bissau sono i Paesi africani da cui partono i corti per approdare in Francia e Portogallo, in quello di storie protagoniste del Festival, che spesso sono storie migratorie. Ospite di questa sera sarà il regista di “Mistida”, Falcão Nhaga (nella foto).

Il primo corto è del regista algerino Mouloud Aït Liotna. “La Maison Brûle, Autant Se Réchauffer”, presentato a Cannas nel 2023, racconta la storia di Yanis, un giovane berbero della Cabilia in procinto di partire per Parigi. Il giorno prima del viaggio, Yanis si reca nel villaggio vicino per gli ultimi preparativi, ma lì viene a sapere della morte di un amico d’infanzia e al suo funerale incontra un amico comune. Un incidente in un caffè trasforma il suo ultimo giorno nelle retrovie di un’Algeria terrosa e molliccia in un road movie, dapprima disperato, poi riflessivo e malinconico.

Il secondo corto, “La Sirène Se Marie“, del regista autodidatta Achraf Airaoui, mostra  l’estate brillante di un giovane dongiovanni, Jamel, che si spegne quando scopre che la sua ex si sposa.

L’ultimo cortometraggio della serata, “Mistida” è del giovane Falcão Nhaga, nato nel 2000 da madre capoverdiana e padre guineano. Il film mostra una madre immigrata, oppressa da un forte mal di schiena, che chiede al figlio di aiutarla a portare a casa le borse della spesa. Lungo il cammino, i due si raccontano le loro difficoltà, dissapori e speranze e così facendo, ripercorrendo il passato parlano del futuro. Ogni barriera sembra dissolversi, anche se ciascuno ha una visione della vita in Portogallo diversa.

In caso di pioggia le proiezioni si terranno all’interno del Cinema Santa Teresa.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, denuncia di Gottardi (Uil) sul degrado all’ospedale Geriatrico: «All’interno vivono sbandati violenti e pericolosi»

massimo

Verona, celebrato ieri il ricordo dell’assalto partigiano al Carcere degli Scalzi

massimo

Verona, grazie all’8xmille alla Chiesa Cattolica è nata Casa Santa Elisabetta per donne in difficoltà

massimo

Valpolicella Doc, presentato in Regione il Dossier socioeconomico 2024 della principale denominazione Rossa del Veneto

massimo

Feste de L’Unità 2024, il via venerdì 19 luglio a Quinzano e Casaleone

massimo

Oppeano, rinnovato l’accordo integrativo alla Finstral

massimo