23.9 C
Verona
11 Agosto 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona allagata, il presidente della Regione firma la dichiarazione di stato di crisi, l’ennesima

Il presidente del Veneto, Luca Zaia, ha firmato ieri sera la dichiarazione dello stato di crisi per il Comune di Verona e altri comuni del Veronese, colpiti oggi dal maltempo che ha causato danni a infrastrutture e opere pubbliche, imprese industriali e agricole e causato danni ai privati.

È l’ennesima dichiarazione di stato di crisi firmata da Zaia in questi anni di governo, dall’alluvione nell’Est Veronese e Vicentino di primi anni 2000 allagamento di Venezia, alla tempesta Vaja e così via. Segnali che in Veneto qualcosa non funziona più nel sistema di deflusso delle acque, nella prevenzione attraverso la pulizia di canali, scoli e caditoie, nel controllo della salute degli alberi che vivono con noi.

Ben quindi lo stato di crisi per chiedere fondi al Governo e dare soccorso a chi ha subito pesanti danni. Ma qui serve un grande piano di riprogettazione della difesa idraulica del territorio. Altrimenti, continueranno gli uragani e i danni a città e paesi.

Condividi con:

Articoli Correlati

Contaminazione da Pfas, Cristina Guarda (EV): «Negli Usa sempre più pressioni per uno screening esteso»  

massimo

Aipo, fase di ispessimento delle olive

massimo

Finanza, “Banche Venete Riunite” chiude la semestrale con l’utile a 5,1 milioni. Iselle nuovo direttore generale

massimo

Politiche 2022, ““+Europa Verona”: «Calenda non rispetta i patti, per questo abbiamo rotto con lui»

massimo

S. Bonifacio, ventenne segregata per giorni in un capannone abbandonato: fugge e fa arrestare l’aguzzino

massimo

Trasporti, l’europarlamentare veronese Borchia (Lega) attacca sulle nuove restrizioni al traffico al Brennero

massimo