24.7 C
Verona
20 Giugno 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, anziana derubata di 250 mila euro in gioielli da un falso tecnico del gas

Due truffe nell’arco di un’ora, entrambe perpetrate nei confronti di donne anziane e tutte commesse mediante la tipica scusa della fuga di gas. A subire danno economico solo una delle due, fortunatamente, ma il valore della merce asportata, questa volta, è davvero ingente: la stima è di circa 250.000 euro. La sessantasettenne è stata derubata ieri, intorno alle ore 15, mentre si trovava all’interno della sua abitazione in via Zamboni. Ascoltata dalla agenti delle Volanti della Questura, che hanno raccolto la denuncia, la donna ha testimoniato di aver sentito suonare il campanello di casa e di aver fatto entrare, senza indugio, un uomo che, con fare molto gentile, affermava di dover controllare l’abitazione a causa di alcune perdite di gas accertate, provenienti dagli appartamenti di quel condominio.

La signora, spaventata dal pericolo prospettatole, ha seguito ogni direttiva impartita da quel “tecnico”, che “tecnico” non era, tra cui quella di raccogliere tutti i gioielli all’interno del frigorifero per evitare che, a contatto con il gas, questi subissero danni. È stato proprio con tale scusa che il malvivente è riuscito a raggruppare in unico luogo i beni di valore per poi, con l’aiuto di un complice, appropriarsene. Durante le fantomatiche verifiche, infatti, un altro sconosciuto, con addosso una targhetta con su scritto “Polizia Municipale”, si è presentato alla porta e, fingendo di essere un collega dell’uomo già all’interno, ha distratto l’anziana consigliandole di aprire le finestre in tutte le stanze della casa. La donna, proprio in questo frangente, non si è accorta che i due malfattori, nel frattempo, si erano allontanati con tutti i suoi beni.

Solo dopo essersi resa conto che entrambi si erano dileguati senza avvisarla, la sessantasettenne ha iniziato ad insospettirsi e si è diretta immediatamente verso il frigorifero dentro il quale, ormai, non era più presente alcun gioiello. Una volta preso coscienza della truffa, B.R. ha contattato la Polizia che, ad una prima stima, ha valutato un ammanco di beni del valore compreso tra i 200.000 e i 250.000 euro.

Mentre questa truffa si consumava, quasi contemporaneamente a San Michele, in via Zenati, un altro malintenzionato utilizzava la scusa della fuga di gas per convincere una 79enne ad aprirgli la porta di casa. In questa occasione, fortunatamente, la donna si è accorta che qualcosa non andava: ad insospettirla il tesserino velocemente mostrato dall’uomo, recante una foto che non corrispondeva affatto ai lineamenti dell’intruso. Diffidente rispetto alle affermazioni di quello che si era presentato, anche in tale circostanza, come un tecnico, la donna ha deciso di chiedere aiuto ad un vicino di casa. A questo punto il malfattore, con molta probabilità al fine di fuggire prima di essere scoperto, ha spruzzato dello spray urticante per poi dileguarsi. Fortunatamente la vittima, immediatamente soccorsa da personale sanitario e trasportata all’ospedale di Borgo Roma, ha superato le difficoltà respiratorie inizialmente riscontrate e, ricondotta in buona salute presso la sua abitazione, ha confermato di non aver subito alcun ammanco.

La Questura di Verona, che ha avviato le indagini per catturare i malfattori responsabili di questi ultimi due casi di truffa accertati, ribadisce ai cittadini di diffidare da falsi operai, tecnici o dipendenti dell’Inps, finti poliziotti, avvocati o sedicenti medici di inesistenti organizzazioni umanitarie.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo

Soave, il sindaco Pressi sui ristori per i danni del maltempo: «Preoccupato dal silenzio del Governo»

massimo

Verona, sabato concerto in piazza del popolo a San Michele Extra

massimo

Autonomia, Borchia (Lega): «Il Leone ha ruggito. Traguardo storico per Veneti, non abbiamo mai mollato»

massimo

San Bonifacio, Tosi (Fi) sull’accordo al ballottaggio tra Soave e FdI: «È spaccatura nel centrodestra»

massimo