20.3 C
Verona
23 Maggio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, arrestato dai Carabinieri il vandalo che ha bucato e denneggiato oltre 100 auto

Ieri pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Parona hanno arrestato un trentenne di Avesa con l’accusa di “danneggiamento aggravato continuato”, “violenza privata aggravata” ed “atti persecutori”.

I militari dell’Arma sono quindi riusciti a dare un volto e un nome al “foratore seriale” di gomme d’auto, che, all’inizio di quest’anno, sembrava essere diventato l’incubo dei residenti dei quartieri a nord della città di Verona, da Quinzano a Valdonega, Avesa, Ponte Crencano e Borgo Trento. Nel periodo dal 2 al 15 gennaio, infatti, oltre 100 sono stati gli episodi di danneggiamenti segnalati.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Verona, sono iniziate dalla prima delle poi numerose denunce giunte in caserma, raccolta dai militari della Stazione di Parona Valpolicella, attraverso una mirata ed attenta azione di controllo sul territorio, intensificata nell’arco notturno, fascia oraria prediletta dal foratore seriale per compiere i suoi agguati. E già qualche giorno dopo, i Carabinieri sono riusciti a fermare, attorno all’una di notte proprio in zona Avesa, un trentenne che in quella circostanza è stato trovato in possesso di vari arnesi senza giustificato motivo, tra cui chiodi, una tenaglia e un martello. La successiva attività investigativa, confortata dai minuziosi riscontri sul territorio nonché dall’acquisizione di immagini con il contributo della Polizia di Stato e dall’analisi delle celle telefoniche, ha permesso man mano di confermare gli indizi a carico del sospettato.

Analizzando i diversi episodi, è emerso altresì che, nello stesso frangente, l’uomo aveva iniziato a molestare e disturbare ripetutamente una vicina di casa, posizionando in più di un’occasione viti e chiodi sulla strada davanti al cancello dell’abitazione della stessa. Oltre al mero spirito vandalico che ha spinto l’uomo a danneggiare indiscriminatamente varie autovetture, le indagini hanno perciò consentito di acclarare le continue e reiterate condotte persecutorie nei confronti della donna, già vittima di molestie in passato da parte dell’uomo e per questi fatti già condannato.

Il quadro che è emerso ha permesso al Gip del Tribunale di Verona di emettere la misura di custodia cautelare in carcere: sul trentenne al momento le accuse sono di danneggiamento aggravato continuato, violenza privata aggravata ed atti persecutori.

Condividi con:

Articoli Correlati

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Valpolicella, approvato il bilancio del Consorzio di tutela della Doc: 3,8 milioni di fatturato

massimo

Verona, domenica a Villa Buri la “Festa dei Popoli” con tema “In cammino per la pace”

massimo

Polato (FdI): «L’Europa sia unita contro l’eccessiva capacità cinese. Rischio da Pechino di dazi al vino europeo»

massimo

Verona, incontro sull’Autonomia differenziata con Paolo Borchia e il ministro Calderoli

massimo

San Bonifacio, alzato il ponte della Motta per far passare l’Alpone in piena

massimo