25.7 C
Verona
21 Giugno 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, arrestato il presunto artefice di una serie di truffe agli anziani perpetrate col sistema del tecnico del gas

Dal 2021 ad oggi, innumerevoli sono state le truffe realizzate dal legale rappresentante e amministratore unico di una società italiana attiva nella fornitura di dispositivi contro le fuoriuscite di gas, arrestato nei giorni scorsi dai Carabinieri e ora agli arresti domiciliari. Sempre lo stesso il modus operandi con cui era riuscito a carpire, con artifizi e raggiri, la fiducia di tante persone anziane: presentare nell’abitazione delle proprie vittime, per lo più 80enni e 90enni, un suo incaricato che, qualificandosi come addetto ai contatori del gas, riusciva così ad introdursi all’interno delle dimore. A quel punto, con il pretesto di dover necessariamente installare dei nuovi apparecchi facendo riferimento a presunti lavori condominiali che ne richiedevano come obbligatorio l’intervento, l’addetto riusciva a far firmare un contratto intestato ad una ditta e chiedeva poi il pagamento immediato tramite Pos di una cifra ben precisa. Non solo, a quel punto il presunto addetto si faceva consegnare le carte bancomat e talvolta anche il Pin delle stesse, digitando indebitamente sul Pos cifre esageratamente superiori a quelle concordate, di cui le vittime si ravvedevano soltanto quando ricevevano la telefonata dalla propria banca perché il loro saldo era in negativo o quando ricevevano l’Sms di avvenuti prelievi di importi non riconosciuti, e quando ormai il truffatore si era già allontanato.

A seguito delle prime denunce presentate al Comando Stazione Carabinieri di Verona, sono iniziati gli accertamenti sulla ditta di rilevatori di gas per conto della quale venivano stipulati i verosimili contratti e in favore della quale erano stati eseguiti tutti i fraudolenti prelievi di denaro, il cui amministratore unico e legale rappresentante, un trentottenne italiano residente in provincia di Brescia, considerati i suoi precedenti specifici, non è risultato nuovo a truffe del genere. L’attività investigativa che ne è scaturita ha fatto emergere un chiaro quadro accusatorio nei confronti dell’arrestato, ritenuto responsabile di truffa in concorso aggravata dall’aver profittato dell’età avanzata delle proprie vittime e ha perciò permesso al G.I.P. del Tribunale di Verona di emettere la misura degli arresti domiciliari.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, Soave fa appello all’unità del centrodestra per il ballottaggio contro Verona

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Villafranca, 75enne ucciso con un colpo di pistola durante una lite tra giostrai

massimo

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo

Soave, il sindaco Pressi sui ristori per i danni del maltempo: «Preoccupato dal silenzio del Governo»

massimo