15.4 C
Verona
30 Settembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, avevano trasformato la casa in una serra per produrre marijuana: 53 chili sequestrati

Un insolito via vai di gente, in ogni fascia oraria del giorno e della notte, misto ad uno strano odore che invadeva tutto il vano scale: è qaunto segnalato da alcuni cittadini di via Zampieri ai Carabinieri della stazione di Parona. Scattate le verifiche del caso, i militari mercoledì 7 aprile si sono presentati nell’abitazione ed hanno da subito riscontrato ritrosia da parte delle due persone che, dall’interno dell’appartamento, non volevano saperne di aprire. Con non poca difficoltà i carabbinieri sono però riusciti a far ingresso nella casa, trovandosi davanti a quella che sembrava essere una scena da film, più che le stanze di un appartamento: ogni camera, tranne quella da letto in cui abitavano i due italiani, classe 91 e 61, era adibita a serra per la coltivazione, produzione e stoccaggio di chili e chili di marijuana.

Più precisamente sono stati rinvenuti 52,5 chili circa di infiorescenze, foglie e resine di marijuana in fase di essiccazione o congelate; oltre 700 grammi di marijuana pronta per la vendita; 103 piante di marijuana, di altezza variabile (dai 10 ai 90 cm); diversi bilancini e materiale atto al confezionamento e stoccaggio dello stupefacente; 50 ventilatori elettrici; 5 filtri aria con relative tubazioni; 16 lampade di vario tipo per riscaldare l’ambiente e favorire la crescita delle piante; 1 deumidificatore e 1 umidificatore; temporizzatori e termometri; 1 rilevatore di ph/ acidità; numerose taniche e flaconi di fertilizzanti; 6 tende di colore nero con relative aste di montaggio, per la realizzazione della serra.

I due, a seguito di perquisizione personale, sono stati ritrovati con 2090 euro uno, e 550 euro l’altro, confezionati curiosamente in un barattolo di cartone di fazzoletti di carta. Originale anche la spiegazione data per l’utilizzo dell'”erba” congelata, infatti i due avrebbero voluto utilizzarla per aromatizzare del burro.I due sono stati tratti in arresto per produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope. Dopo la convalida dell’arresto per il più giovane sono stati concessi i domiciliari mentre per quello più anziano il divieto di dimora nella provincia di Verona.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, il Comune lancia il bando “Sport e musica per tutti”

massimo

Trasporti, Atv annuncia la disdetta del contratto integrativo: sindacati pronti allo sciopero dal 3 ottobre

massimo

Trasporti, da lunedì 3 ottobre Atv lancia nuove corse per far fronte alle criticità di inizio anno scolastico

massimo

Verona, domani l’insediamento del nuovo vescovo Domenico Pompili

massimo

Verona, 39enne perde la vita scontrandosi in moto contro un’auto

massimo

Maltempo, grandinata ieri pomeriggio tra Fumane e il Garda: colpiti gli olivi

massimo