14.9 C
Verona
1 Ottobre 2022
In evidenza Politica ultimaora

Verona, Bassi si è dimesso da assessore dopo lo scontro in giunta: «Esco a testa alta»

«Questa mattina, a testa alta e con la coscienza pulita, ho rassegnato le dimissioni per motivi personali dalla carica di assessore del comune di Verona. Grazie a tutti per il supporto e per il sostegno». L’ha postata sui social oggi Andrea Bassi. fino a poche ore fa assessore all’edilizia sportiva ma soprattutto esponente di Verona Domani, annunciando la sua uscita dalla giunta del sindaco Federico Sboarina dopo lo scontro avvenuto in giunta con l’assessore allo sport Filippo Rando (Lega). Un diverbio tra i due talmente acceso da costringere il sindaco ad intervenite ed a sospendere per 45 minuti la seduta di giunta, che si teneva via web, con Bassi che, però, alla ripresa della riunione non si è più collegato.

Oggi, era in programma una nuova seduta di giunta che avrebbe dovuto ripartire proprio da quel caso. Ma Bassi ha deciso di togliere tutti dagli impicci, sindaco per primo, dimettendosi. Anche se, politicamente, la sua uscita rischia di diventare un nuovo caso nell’ormai da mesi scricchiolante maggioranza di centro destra che governa Verona. Dove la rivalità e le stoccate tra Lega e Fratelli d’Italia, con in mezzo Verona Domani, sono all’ordine del giorno. E questo soprattutto da quando un anno e mezzo fa il sindaco ha deciso di passare dalla sua civica a Fratelli d’Italia, spostando così l’asse politico del centro destra scaligero.

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, il Comune lancia il bando “Sport e musica per tutti”

massimo

Trasporti, Atv annuncia la disdetta del contratto integrativo: sindacati pronti allo sciopero dal 3 ottobre

massimo

Trasporti, da lunedì 3 ottobre Atv lancia nuove corse per far fronte alle criticità di inizio anno scolastico

massimo

Verona, domani l’insediamento del nuovo vescovo Domenico Pompili

massimo

Verona, 39enne perde la vita scontrandosi in moto contro un’auto

massimo

Maltempo, grandinata ieri pomeriggio tra Fumane e il Garda: colpiti gli olivi

massimo