8.6 C
Verona
4 Dicembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, Bertucco (Sinistra): «Ora basta, condannare questi violenti»

«Gli scontri di ieri sera in piazza Erbe a Verona mostrano che qualcuno sta cercando di trasformare un’emergenza sanitaria ed economica in un violento scontro politico-ideologico mettendo il cappello ad una serie di proteste assolutamente pacifiche. Ora basta, questi violenti vanno condannati».

A dirlo con forza è Michele Bertucco, consigliere comunale di Verona e Sinistra in Comune, intervenendo su quanto avvenuto ieri sera, con cinque poliziotti rimasti feriti dal lancio di sassi, sedie, tavoli da colore che avrebbero dovuto dimostrare contro le misure anti Covid.

«La nostra democrazia garantisce il diritto di protestare ma non può tollerare le violenze e la propaganda illiberale di certe frange estremiste che cercano soltanto di cavalcare il momento di crisi – riprende Bertucco -. Purtroppo questa strategia viene più o meno consapevolmente sostenuta dal centrodestra locale che pure avendo ingentissime responsabilità di governo del territorio, nella sua azione politica non è in grado di andare oltre la mera propaganda e lo screditamento continuo delle istituzioni senza presentare alcuna proposta alternativa. Lo dimostra il fatto che finora non è arrivata una sola parola di condanna delle violenze di piazza e degli scontri con la polizia. Questo significa creare agibilità politica intorno ai violenti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, domani sera su Report un’inchiesta sulla situazione di ospedali e pronto soccorsi in Veneto

massimo

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo