17.5 C
Verona
22 Settembre 2020
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Verona, Claudio Bisio e Gigio Alberti con la prima nazionale di “Ma tu sei felice?” aprono la stagione del Teatro Romano

Saranno Claudio Bisio e Gigio Alberti, con la prima nazionale a teatro di “Ma tu sei felice?” ad aprire stasera, sabato 19 luglio alle 21, la stagione del Teatro Romano. Una 72ᵃ Estate Teatrale Veronese ideata e voluta nonostante le pesanti restrizioni per le misure antiCovid: solo 310 spettatori contro i 1700 e passa delle scorse estati.

Il duo porta sul palcoscenico, in prima nazionale ‘Ma tu sei felice?’, un format nato durante il lockdown e tratto dall’omonimo libro di Federico Baccomo. Uno spettacolo, a metà tra la lettura teatrale e la serie web, che va in scena in un Teatro Romano completamente inedito. Non passerà inosservato il nuovo allestimento che, per la prima volta nella storia dell’Estate Teatrale Veronese, vedrà le gradinate scoperte. Un salto all’indietro, nell’antichità. La platea, infatti, sarà molto più piccola del solito, con soli 39 posti, uno ogni due seggiolini. E la struttura metallica, che di solito sale lungo le gradinate, occuperà solo una parte del parterre. Lasciando scoperta la scalinata antica, che sarà utilizzata in tutta la sua larghezza per far sedere 271 spettatori. Ogni spettacolo, rivisto in chiave post Covid, avrà come fondale direttamente la vista sulla città. Gli ingressi a Teatro saranno diversificati su fasce orarie, a seconda del settore acquistato. Obbligatorio indossare la mascherina, che potrà essere tolta solamente una volta seduti. Ogni posto, anche quelli in gradinata, sarà contrassegnato da un numero e distanziato di almeno un metro dal successivo. Sarà presente un punto Covid della Croce Rossa Italiana, all’interno del quale un medico e un infermiere garantiranno un’azione tempestiva su eventuali casi sospetti, con misurazione della temperatura, test sierologici rapidi e strumenti per la sanificazione.

Il Festival, organizzato dal Comune di Verona, in collaborazione con Arteven, va in scena grazie anche al supporto garantito da Ministero e Regione. Il Mibact ha già anticipato il 70 per cento del contributo erogato l’anno scorso. Visto lo stato di emergenza e la difficoltà organizzative, per il calcolo del finanziamento è stato preso in considerazione il budget di spesa dell’ultimo anno pre-Covid. Si tratta di circa 120 mila euro, in gran parte già arrivati, per l’Estate Teatrale Veronese. Anche la Regione Veneto ha raddoppiato il contributo, che quest’anno passa da 20 a 40 mila euro. Sponsor 2020 Cattolica Assicurazioni e Banco Bpm.

Articoli Correlati

Nogara, Falco (Lega): «L’entrata di Pasini decisa a Verona. Non siamo “padroni a casa nostra”»

massimo

Regionali, rieletta Cristina Guarda per Europa Verde

massimo

Elezioni Regionali, Cappelletti (5Stelle): «Abbiamo perso. Ricominciamo da qui»

massimo

Elezioni, cancellati i 5Stelle dal consiglio regionale Veneto

massimo

Elezioni Regionali, Bertucco: «Ripartire dal territorio»

massimo

Negrar, Marco Andreoli al 99% futuro consigliere regionale

massimo