20 C
Verona
23 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, domenica a Villa Buri la “Festa dei Popoli” con tema “In cammino per la pace”

Torna domenica 26 maggio a Villa Buri di San Michele Extra di Verona la Festa dei Popoli. La manifestazione, co-organizzata dal Comune di Verona, annualmente ricorre con tematiche diverse e si pone l’obiettivo di promuovere l’amicizia e la fratellanza tra persone appartenenti a popoli, culture e religioni diverse. Non una “mostra delle diversità”, bensì un laboratorio di quella multiculturalità di cui la città e la provincia di Verona sono composte.

Questa 33ᵃ edizione, che avrà come titolo “In cammino per la pace”, proporrà la consueta kermesse di musica, canti, danze, facendo leva anche sulle proposte di giovani musicisti. E poi i piatti tradizionali dei popoli, l’artigianato, i laboratori rivolti ai bambini per favorire l’incontro e la capacità di riconoscersi  dentro una società sempre più multietnica e multiculturale.

Il cibo e la musica sono gli ingredienti essenziali della festa, perché hanno sempre la grande capacità di generare incontro e, nell’incontro, di rompere gli stereotipi, spesso le paure, verso il diverso, il non conosciuto, dando vita a quel clima di allegria e fratellanza che contraddistingue la Festa di Popoli.

L’evento inizierà alle 12,30 con l’apertura degli stands gastronomici; alle 15 è previsto l’inizio dello spettacolo con danze, musiche, laboratori, artigianato e spettacoli per bambini, che si protrarranno sino alle 19.  La festa sarà alcool freee e gli organizzatori invitano a partecipare utilizzando il più possibile i mezzi o la bici per raggiungere villa Buri.

«I tempi cambiano, e la Festa con loro – spiega don Giuseppe Mirandola, direttore del Centro di Pastorale Immigrati, che coordina il gruppo di associazioni che organizzano l’evento -. Oggi abbiamo le seconde e in alcuni casi le terze generazioni. Giovani nati a Verona con back ground migratorio, figli di immigrati arrivati dai vari Paesi del mondo. Sono le nuove generazioni che fanno parte della nostra società su cui la festa vuole portare la sua attenzione. Rappresentano numeri importanti che troviamo nella scuola e nel lavoro. C’è la necessità di prendere sul serio le loro aspettative e le loro aspirazioni. Tutto questo è festa dei Popoli».

Il tema, “In cammino per la pace” fa chiaramente riferimento alla recente visita di papa Francesco a Verona e in particolare ad Arena di Pace, il cui cammino di preparazione è durato più di un anno. «Il percorso di Arena di pace ha toccato diversi ambiti – precisa don Giuseppe – abbiamo parlato di giustizia e pace non solo in riferimento alle guerre, al disarmo e alla nonviolenza, ma come campi che toccano l’economia, il lavoro, i diritti, il tema delle migrazioni appunto, che tante volte dentro la società è elemento conflittuale».

«Se vogliamo sviluppare contesti di pace – prosegue il sacerdote – dobbiamo fare attenzione all’accoglienza e ai cammini di integrazione dei migranti nella società. Dobbiamo sviluppare pari opportunità, un aspetto che è spesso sottaciuto ma che invece è elemento cardine dove ci giochiamo il futuro. Pari opportunità vuol dire accesso senza particolari ostacoli alla sanità, all’istruzione, ai diritti nel mondo del lavoro e tutti conosciamo la piaga del caporalato, del lavoro nero o sottopagato che si alimenta in modo particolare nel mondo delle migrazioni. Pari opportunità anche per avere una casa, un affitto… In sostanza dobbiamo riconoscere dignità ai migranti,  portatori di diritti non frutto della nostra buona volontà ma derivanti dalla costituzione, posta a fondamento del nostro vivere civile e pacifico».

«La 33° edizione della Festa dei Popoli è un’edizione importante, che arriva a seguito di una settimana travolgente per Verona con la visita del Papa, con effetti bellissimi che ancora riecheggiano – rimarca Luisa Ceni, assessore alle Politiche sociali e abitative del Comune di Verona -. Una frase di papa Francesco all’Arena di Pace mi ha particolarmente colpito, quel “io sono perché noi siamo”. Si parla di pace in questa Festa dei Popoli a seguito all’Arena di Pace,  si parla del valore dell’io che esiste solo se esiste un noi. Nella Festa dei Popoli questo si tocca con mano. Un secondo aspetto: è una Festa estremamente green, dove si chiede di arrivare in bicicletta, di non bere per divertirsi nella maniera giusta, senza sballare. Insomma: una festa importante per creare sempre più comunità inclusive, dove la pace nasce dal basso».

Commenta Jean-Pierre Piessou, membro del comitato organizzatore: «Questa manifestazione ci permette ogni anno di festeggiare conservando un senso di gratitudine per chi in maniera profetica ha ideato questo incontro e lo ha costruito nel corso degli anni. Penso a vescovi, sacerdoti, religiosi e volontari laici che hanno contribuito a plasmare questo abbraccio collettivo della città di Verona nella sua pluralità, che ci dà anche la prospettiva futura su cui camminare».

«Nel 1991, anno in cui è stata organizzata la prima Festa dei Popoli, erano meno di 10.000 gli stranieri presenti in provincia di Verona. A inizio 2023 gli stranieri residenti nei 98 comuni del Veronese risultavano essere poco più di 110.000 (il 12 % della popolazione), ma sono almeno 130.000 le persone con background migratorio se consideriamo nel computo anche gli immigrati che nel frattempo hanno acquisito la cittadinanza italiana. Una fetta importante di questa popolazione è composta da minori (25.291), la maggior parte dei quali sono nati in Italia (seconda o terza generazione) – sottolinea Matteo Danese, direttore di Cestim (Centro studi immigrazione) -. Se nel 1991 la città stava facendo i primi passi alla scoperta delle diversità culturali, oggi Verona è nei fatti una realtà multiculturale. Ma se la multiculturalità è un fatto acquisito, le relazioni interculturali non fanno parte della quotidianità di tanti veronesi. In questo senso la Festa dei Popoli, come era negli intenti dei fondatori, vuole continuare ad essere un “ponte” per favorire il dialogo e lo scambio tra veronesi che provengono da diversi contesti culturali».

Nella foto un momento della presentazione della Festa dei Popoli

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, l’affluenza alle urne per il ballottaggio al 30,28% alle 19

massimo

Legnago, resta bassa l’affluenza alle urne per il ballottaggio: al 29,71% alle 19

massimo

Cultura, lo scrittore Ciresola premiato a Roma con il “Winning book 2024” per il suo giallo “Innumerevoli tentativi di imitazione”

massimo

Verona, al via la settimana “Africa Short” del “Cinelà” Festival di Cinema Africano e Oltre 

massimo

Pescantina, alle 12 alle urne solo il 9,83% degli aventi diritto

massimo

San Bonifacio, crolla l’affluenza al Ballottaggio: alle 12 alle urne solo il 10,84%

massimo