25.7 C
Verona
21 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, due arresti dei Carabinieri per spaccio: detenevano 3 etti di droga in un B&B

Ben 235 grammi di cocaina e 83 grammi di hashish, 2 bilancini di precisione, materiale vario per il confezionamento della sostanza stupefacente e più di 8 mila euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio. È quanto i Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Verona hanno sequestrato a seguito dell’arresto in flagranza con l’accusa di “detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio” a due giovani marocchini residenti nel Veronese.

In realtà, il primo da qualche giorno e il secondo da qualche mese, risultavano ospiti di due B&B di Verona. Ed è così che i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, impegnati nelle attività di prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, hanno iniziato ad acquisire le prime informazioni sul conto dei due, fino alla perquisizione che ha permesso di rinvenire il grosso quantitativo di cocaina e hashish e l’ingente somma di denaro in contanti.

Il primo arrestato, già con precedenti specifici, è stato controllato nella camera del B&B che aveva prenotato qualche giorno prima, mentre si trovava in compagnia di un ragazzo ed una ragazza, entrambi assuntori di stupefacenti. Proprio nella cassaforte della camera, il marocchino aveva nascosto un etto di cocaina e 83 grammi di hashish oltre che quasi 2 mila euro in contanti. L’altro giovane è invece stato controllato a bordo della sua autovettura, dove i militari dell’Arma hanno trovato occultati, all’interno di un ovetto Kinder, 9 dosi di cocaina già incellofanate e pronte ad essere vendute, oltre che denaro in contanti. Di lì la perquisizione nella camera del B&B dove sono state trovate altre dosi e un pezzo in “sasso” di cocaina per un peso complessivo di circa 120 grammi, oltre che, ben nascosti nel materasso del letto, più di 6 mila euro, ritenuti provento di pregressa attività di spaccio. Terminati gli atti di rito, entrambi gli arrestati sono stati tradotti nella casa circondariale di Verona Montorio, dove, a seguito di convalida della misura, i due giovani spacciatori si trovano tuttora.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, Soave fa appello all’unità del centrodestra per il ballottaggio contro Verona

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Villafranca, 75enne ucciso con un colpo di pistola durante una lite tra giostrai

massimo

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo

Soave, il sindaco Pressi sui ristori per i danni del maltempo: «Preoccupato dal silenzio del Governo»

massimo