10.2 C
Verona
2 Marzo 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, due uomini e una donna arrestati per una serie di furti su automobili

I Carabinieri della Stazione di Parona Valpolicella, con la collaborazione dei Carabinieri della Compagnia di Salerno, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, come disposto da provvedimento emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari di Verona su richiesta della locale Procura della Repubblica, di due uomini ed una donna ritenuti responsabili dei reati di “furto aggravato” ed “indebito utilizzo di carte di credito e di pagamento”.

L’attività investigativa dei militari dell’Arma trae origine dalla denuncia di un primo furto consumato su un’autovettura in sosta lungo una via cittadina, nel corso del quale i tre soggetti erano riusciti ad impossessarsi di un portafogli lasciato incustodito nel vano porta oggetti, contenente banconote varie e carte di pagamento. Quelle stesse carte di credito che, subito dopo il furto, erano poi state utilizzate dai tre ladri per recarsi in una tabaccheria ed effettuare ben 8 transazioni, ancor prima che il titolare potesse accorgersi di essere stato derubato e quindi poterne bloccare i prelievi. Grazie alle immagini di videosorveglianza i Carabinieri sono riusciti a dare un volto ed un nome ai tre soggetti, già noti alle forze dell’ordine per i loro numerosi precedenti penali e di polizia.

Dalle indagini è poi emerso che qualche giorno prima, uno dei tre si era reso protagonista di un altro analogo furto di portafogli, sottratto dall’autovettura del titolare di una tabaccheria. E con lo stesso modus operandi, anche in un’ulteriore e successiva circostanza, il ladro era riuscito ad impossessarsi di altre carte di credito. Dalle immagini di videosorveglianza lo stesso titolare era poi stato in grado di riconoscere l’autore del furto in un suo vecchio cliente ed era poi riuscito, qualche giorno, ad avvisare immediatamente le forze dell’ordine quando in Corso Milano si era per caso imbattuto proprio in lui.

Grazie all’analisi della serialità dei furti e del consolidato modus operandi, nonché ai riconoscimenti operati anche con l’ausilio delle immagini di videosorveglianza, i Carabinieri sono riusciti a ricostruire e formulare un chiaro quadro accusatorio nei confronti dei tre soggetti che ha così permesso al G.I.P. del Tribunale di Verona di emettere la misura di custodia cautelare in carcere.

Condividi con:

Articoli Correlati

Isola della Scala, lettera aperta di Canazza al consiglio comunale: «Sulla piazza accogliamo all’unanimità la richiesta di un referendum»

massimo

Valeggio sul Mincio, piove in classe al Carnacina e gli studenti scioperano appoggiati da genitori e insegnanti

massimo

Verona, sorpreso mentre forza lo scuro di una casa spruzza spray al peperoncino sui carabinieri

massimo

Colognola ai Colli, il 14enne che ha salvato la vita a un uomo colto da infarto ricevuto alla Camera

massimo

Assistenza anziani, nel Basso Veronese un corso per formare “Custodi sociali”

massimo

Costermano, fermato con 1 dose di cocaina, in casa aveva una pistola rubata in Calabria e altra droga

massimo