9.1 C
Verona
3 Dicembre 2022
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Verona, è la kazaka Oxana Shevchenko la vincitrice del Verona International Piano Competition

È la kazaka Oxana Shevchenko, 35 anni, la vincitrice della decima edizione del Verona International Piano Competition (VIPC), il Concorso pianistico Città di Verona. Un’edizione che è stata una grande festa, degna celebrazione del decennale della manifestazione organizzata dall’Associazione Musicale Liszt 2011, che in dieci anni ha richiamato in riva all’Adige oltre 2mila giovani talenti del pianoforte da tutto il mondo. Ma anche una prima assoluta per il Concorso grazie alla possibilità, per i tre migliori talenti, di potersi esibire, nella finalissima, insieme all’Orchestra della Fondazione Arena di Verona: una realtà che nei quasi 110 anni storia ha visto alternarsi sul podio compositori come Pietro Mascagni e Riccardo Zandonai, direttori del calibro di Daniel Oren, Riccardo Muti, Lorin Maazel, Zubin Mehta.

Un’edizione molto partecipata, quella 2022, che dopo gli anni difficili del Covid ha visto 93 iscritti alle selezioni online, giovani con un’età media di 26 anni provenienti da 21 nazioni. Giappone, Corea del Sud, Italia e Russia sono, come da tradizione, le più rappresentate, con alcune new entry come Portogallo, Armenia, Taiwan, Macedonia, Kazakistan e Svezia. Dopo un’intensa settimana di selezioni in presenza all’auditorium della Gran Guardia, la giuria, composta dai pianisti Roberto Pegoraro (direttore artistico del Città di Verona), Jin Ju, Jean-Marc Luisada, Edoardo Strabbioli, Franz Schottky e Vittorio Bresciani, ha ritenuto che le più meritevoli fossero l’italiana Giulia Contaldo, 27 anni, Jeongjin Kim, 24, della Corea del Sud, e appunto Oxana Shevchenko, del Kazakistan.

Le tre giovani si sono esibite sabato 19 novembre nella finale a tre al Filarmonico eseguendo un Concerto per pianoforte, accompagnate dall’Orchestra della Fondazione Arena di Verona diretta da Paolo Spadaro Munitto. Il programma prevedeva per Giulia Contaldo il Klavierkozert Nr.4 Op.58 di L. van Beethoven; Jeongjin Kim ha scelto invece il Klavierkozert Nr.5 Op.73, sempre del compositore tedesco; Oxana Shevchenko si è esibita nel concerto n. op.23 di P. I. Čajkovskij. E la trentacinquenne, alla fine, ha avuto la meglio.

A lei, dunque, è andato il Primo Premio “Città di Verona” di 8 mila euro, con la targa del Comune di Verona e un contratto discografico con l’etichetta Fluente Records per la registrazione, pubblicazione e distribuzione di un disco in formato digitale. Secondo premio ex aequo per Contaldo e Kim. A quest’ultima è andato anche il Premio speciale Enrico Paganuzzi per il miglior interprete di un concerto con orchestra, mentre a Contaldo è andato il Premio speciale per la miglior Sonata classica. Alla vincitrice è stato consegnato anche il Premio Montanari, istituito dal liceo musicale di Verona, mentre il Premio Scaratti per il miglior talento femminile del Concorso è stato condiviso, ex aequo, tra Shevchenko e Contaldo.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo