10.7 C
Verona
4 Febbraio 2023
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, Federconsumatori in soccorso ai cittadini lasciati soli dalla catena dentistica low cost “Idea Sorriso”

Interventi dentali non conclusi, finanziamenti sottoscritti a fronte di nessuna prestazione eseguita, protesi di cattiva qualità, assenza di assistenza. Sono i problemi contestati anche da numerosi cittadini veronesi a “IdeaSorriso”, catena dentistica nazionale con sede a Padova, che dichiara 15 filiali in cinque diverse regioni italiane, tra cui una anche in riva all’Adige, in via Francia.

A denunciare la situazione è Federconsumatori Verona, per nome del suo presidente Alberto Mastini: ««Stiamo seguendo decine di persone che ci hanno chiesto di essere tutelate sia per i problemi legati al contratto di finanziamento, che per gli aspetti di responsabilità medica – spiega Mastini -. Uno di questi, per esempio, è l’overtreatment, ovvero la prescrizione di molti interventi sanitari non necessari, al solo scopo di lucro. La vicenda IdeaSorriso, che coinvolge anche gli stessi lavoratori con condizioni di lavoro giudicate pessime e turni a volte lunghissimi, rende indispensabile alzare l’attenzione generale sulla crescita delle catene dentistiche “low cost”, che negli ultimi anni sono proliferate in seguito alla liberalizzazione del mercato con la cosiddetta Legge Bersani del 2006. Oggi una cura odontoiatrica complessa può mettere in difficoltà il bilancio familiare e la ricerca del miglior prezzo è più che giustificata, come giustificata è una sana concorrenza. Ma è necessario che il paziente-consumatore conosca le problematiche che possono nascere rivolgendosi a strutture di recente insediamento, la cui forma societaria può rendere complesso ottenere risarcimenti e garanzie qualora insorgano problemi».

IdeaSorriso, costituita a gennaio 2017, è di proprietà della Mingardi Dental Center Srl, azienda che ha visto aprire il concordato preventivo dal Tribunale di Padova il 5 marzo scorso e da allora naviga in cattive acque. E nei mesi scorsi anche la sede veronese ha chiuso i battenti, lasciando molti pazienti in difficoltà, con interventi da concludere o non ancora iniziati a fronte di finanziamenti (anche di 15-20 mila euro) già aperti e risposte evasive, a sentire gli interessati, su come terminare la cura. Tanto che in molti si sono rivolti agli sportelli di Federconsumatori Verona.

«Il Dipartimento Salute di Federconsumatori è corso ai ripari – rassicura Mastini – e proprio in questi giorni sta chiudendo un’intesa con alcune finanziarie come Cofidis, in base alla quale la compagnia che offre prestiti stringerà accordi con diversi studi dentistici per consentire, ai pazienti che avevano acceso un finanziamento, di proseguire le cure senza dover sostenere ulteriori costi. A chi non è interessato a proseguire le cure, invece, dovrebbe essere restituita la parte restante del finanziamento».
A scopo preventivo, infine, Federconsumatori ha stilato un decalogo con le cautele che debbono essere utilizzate quando ci si rivolge alle catene dentistiche. Le principali raccomandazioni? Diffidare di chi esagera col marketing, le promozioni e le offerte speciali in tema di salute; cercare informazioni sul soggetto al quale ci si sta affidando e, se si tratta di una struttura odontoiatrica di recente apertura, meglio chiedere almeno un secondo parere medico. Sempre meglio, infine, confrontare più preventivi e non dare mai anticipi consistenti, diffidando da chi propone finanziamenti sottoscritti direttamente in studio.
I pazienti IdeaSorriso in difficoltà possono rivolgersi agli sportelli Federconsumatori Verona o scrivere all’indirizzo federcons.verona@gmail.com.

Condividi con:

Articoli Correlati

Bardolino, oggi la Coppa Giulietta&Romeo tra il Garda e la Valpolicella

massimo

Verona, i sindacati sull’ennesimo morto sul lavoro: «Una strage che non si ferma»

massimo

Verona, la SuperBeton smantella l’impianto di via del Vegron. Bertiucco: «Vittoria dei cittadini di Montorio»

massimo

Verona, deserta l’asta per la Domus Mercatorum. Venduta Casa Bresciani a 3,3 milioni

massimo

Cerea, la Regione dà il via all’eliminazione di tre passaggi a livello con un progetto da 14 milioni

massimo

Pressana, l’operaio deceduto stamattina è caduto nella cisterna del proprio camion di mangimi

massimo