25.1 C
Verona
16 Giugno 2021
Economia Economia In evidenza ultimaora Verona città

Verona, Ferrari (Traguardi): «Cattolica mangiata da Generali è una sconfitta per la città»

«E alla fine, come previsto, Generali si è mangiata Cattolica, “sic transit gloria mundi” verrebbe da dire». Il commento è di Tommaso Ferrari, consigliere comunale della civica Traguardi, riguardo all’offerta pubblica d’acquisto lanciata da Generali sul 100% di Cattolica Assicurazioni.

«Mentre la governance che ha gestito la compagnia cittadina negli ultimi 15 anni si ritira proclamando, con una certa sfacciataggine, trionfi e successi che nessun altro vede, il più grande gruppo assicurativo del Paese ha formalizzato la volontà di acquisire il 100% di Cattolica con l’obiettivo del delisting – riprende Ferrari -. L’acquisizione in sé non sarebbe un problema, se non fosse avvenuta in un contesto di debolezza per Cattolica frutto di una gestione dove, come rilevato da Ivass, “il Consiglio di Amministrazione è sostanzialmente venuto meno alle proprie prerogative di indirizzo, gestione e controllo”».

«Ennesimo segnale del fallimento di un’intera classe dirigente cittadina. Con l’addio  a Cattolica, Verona non perde solo un simbolo e un pezzo della sua storia, ma un’istituzione finanziaria che in passato ha contribuito moltissimo alla crescita della città – conclude Ferrari -. Una pagina amara per tutti i cittadini e gli azionisti, che dopo anni passati a subire i proclami sulla “veronesità”, oggi vedono liquidato in pochi giorni oltre un secolo di investimenti da parte della città».

 

Condividi con:

Articoli Correlati

Salizzole, domani il trofeo di ciclismo per giovanissimi del Gs Italo

massimo

Verona, assemblea pubblica del centro sinistra in vista delle amministrative 2022

massimo

Verona, all’Università convegno internazionale sul ruolo dell’Unione europea nel Mondo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Bardolino, Raoul Bova al Film Festival con il suo “Ultima gara”

massimo

Dazi Usa, Abbona (Unione italiana vini): «Bene la sospensione di 5 anni del contezioso»

massimo