29.6 C
Verona
15 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, fiaccolata per ricordare Alberto, morto a 17 anni investito da un’auto

incidente-galliano

Domani, giovedì 17 marzo, alle 20,30 a Verona, si terrà la fiaccolata organizzata dalla 4ª Circoscrizione in collaborazione con l’associazione “Vittime Incidenti Stradali e sul Lavoro” (AVISL) per ricordare il 17enne veronese Alberto Benato, deceduto nel 2008 dopo essere stato investito da un’auto, e tutte le vittime della strada. L’iniziativa è stata presentata questa mattina dal vicepresidente della quarta Circoscrizione Paolo Rossi, insieme a Patrizia Pisi e Stefano Benato, genitori di Alberto e responsabili per il Veneto dell’associazione AVISL.

La fiaccolata partirà dalla sala polifunzionale di via Po/via Rienza per arrivare in stradone Santa Lucia all’altezza del luogo dove otto anni fa perse la vita il giovane Alberto. Dopo la deposizione di un mazzo di fiori e il lancio dei palloncini il programma prevede il ritorno nella sala polifunzionale di Golosine, dove si terrà la conferenza “Basta fiori sull’asfalto, precedenza alla vita, educazione alla sicurezza stradale”, sul tema dei reati stradali.

L’AVISL svolge attività di solidarietà sociale nel campo dell’assistenza alle persone che subiscono danni materiali, psichici, morali, esistenziali dovuti ad incidenti sulla strada e/o sul lavoro, fornendo alle vittime stesse e ai loro parenti il necessario sostegno.

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo