17.1 C
Verona
20 Settembre 2021
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, i sindacati sulla vertenza in Fondazione Arena: «Attendiamo la convocazione del sindaco»

«Attendiamo la convocazione del sindaco, il resto sono chiacchiere». Lo dicono i sindacati dei lavoratori della Fondazione Arena di Verona riportando al centro la vertenza che da mesi scuote l’ente lirico veronese.

«A seguito dello sciopero del 15 luglio scorso, al quale Fondazione Arena di Verona ha risposto inscenando a tutti i costi una versione di Aida fuorviante rispetto alla fama che la contraddistingue nel mondo, il sindaco di Verona, nonché il presidente della Fondazione, ha dichiarato di non aver compreso le ragioni della protesta e di volersi comunque attivare in prima persona per cercare di risolvere i problemi che da molti mesi stanno caratterizzando i rapporti sindacali in Fondazione – dicono i sindacati Slc-Cgil Fistel-Cisl Uilcom-Uil Fials-Cisal e la Rsu interna -. A fronte di questa disponibilità, che sarebbe stato comunque opportuno manifestare un minuto dopo la proclamazione dello sciopero, avvenuta 2 luglio al fine di scongiurarlo, nella giornata di mercoledì scorso, 21 luglio, abbiamo inviato una richiesta di incontro al presidente Sboarina. A questo punto, confidando che la disponibilità al confronto dichiarata dal sindaco sia autentica e costruttiva, ci attendiamo che il primo cittadino di Verona ci convochi rapidamente a un tavolo di confronto al fine di consentire alle organizzazioni sindacali di illustrargli le motivazioni che le hanno costrette a dichiarare lo sciopero e soprattutto per ricercare un’intesa che possa ristabilire il clima di serenità necessaria al normale prosieguo del Festival areniano, di cui noi per primi ne riconosciamo l’importanza non solo per i lavoratori, ma anche per tutto il territorio veronese».

«Attendiamo quindi con impazienza che il sindaco Sboarina ci convochi per capire se intende davvero dare risposte alle nostre richieste che cercano principalmente di tutelare il futuro di Fondazione Arena di Verona, garantire dodici mesi di attività culturale nel nostro territorio, ridare dignità a lavoratrici e lavoratori – concludono i sindacati -. Tutte le altre dichiarazioni che abbiamo letto sulla stampa locale le consideriamo chiacchiere da bar, bieche provocazioni e strumentalizzazioni politiche che rimandiamo molto volentieri ai mittenti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Gazzo Veronese, vertenza con sciopero alla Piva Group per il rinnovo del premio di risultato

massimo

Marano di Valpolicella, ultrasettantenne urta due auto e si capotta: due feriti

massimo

Bollo auto, la Regione ricorda che il 30 settembre scade la proroga per pagarlo

massimo

Bovolone, domani arriva Civati a sostenere il candidato della civica “Bovolone Nostra”

massimo

Colognola ai Colli, pompieri a lavoro nella notte per arginare la perdita di vetro fuso da un forno

massimo

Mozzecane, finisce fuori strada e si ribalta nella notte con l’auto: è grave

massimo