25.7 C
Verona
21 Giugno 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, i Vigili del Fuoco: «Esposti a sostanze pericolose con Dispositivi di protezione insufficienti»

Il 10 ottobre al Comando Vigili del Fuoco di Verona si è tenuta un’assemblea sindacale, nell’ambito dell’attività del Coordinamento Nazionale FP CGIL VVF, legata al Progetto “Particella Pazza”. Durante l’incontro, che ha visto una nutrita partecipazione di pompieri scaligeri, sono state affrontate le tematiche della Salute e Sicurezza della Categoria, esposta quotidianamente durante gli interventi di soccorso a sostanze chimiche, prodotti della combustione e amianto, elementi altamente inquinanti, che a lungo termine provocano ai lavoratori malattie debilitanti, cardiovascolari e tumorali.

Il relatore si è avvalso dei risultati di approfonditi studi scientifici per sensibilizzare i lavoratori, dimostrando come può avvenire, nonostante l’uso dei DPI (Dispositivi di Protezione Individuale), l’assorbimento di queste sostanze durante un normale turno di lavoro. È emerso che spesso i DPI in dotazione non sono sufficienti come numero, perché dopo un’esposizione a sostanze pericolose sarebbe necessaria la sostituzione con un indumento pulito e sanificato frequentemente. I dati ottenuti stabiliscono che i tempi di esposizione dei lavoratori a queste particelle inquinanti e cancerogene sono molto elevati, se non altro per il numero e la durata temporale degli interventi, anche se diluiti nell’arco di tutta la carriera lavorativa.

All’assemblea ha partecipato anche la Segreteria della Funzione Pubblica CGIL Veronese ed una

Componente del Direttivo Provinciale, delegata Inail, che ha esposto l’attività dell’Ente e gli studi che effettuano per il riconoscimento delle malattie professionali.

I lavoratori dei Vigili del Fuoco non sono seguiti dall’Inail e questo non permette il riconoscimento delle malattie professionali ai pompieri, in quanto il Dipartimento dei Vigili del Fuoco non effettua studi di questo genere e i lavoratori che si ammalano non hanno alcun riconoscimento di una causa di servizio.

Il Coordinamento Nazionale FP CGIL dei Vigili del Fuoco ritiene che solamente attraverso l’inserimento dei pompieri nelle tutele dell’Inail si possa arrivare al riconoscimento delle malattie professionali causate dall’esposizione quotidiana dei lavoratori del Comando nazionale Vigili del fuoco a sostanze contaminanti dell’organismo e che vadano migliorati i Dispositivi di Protezione Individuale, nonché forniti in quantità superiore. Si ritiene determinante che le procedure di decontaminazione dei lavoratori, da attuare immediatamente dopo la fine dell’intervento e comunque prima di salire sui mezzi per rientrare nelle sedi di servizio, siano standardizzate e diventino obbligatorie. L’amministrazione deve dotare i Vigili del fuoco di attrezzature funzionali a tale scopo.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, Soave fa appello all’unità del centrodestra per il ballottaggio contro Verona

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Villafranca, 75enne ucciso con un colpo di pistola durante una lite tra giostrai

massimo

Verona, presidio della Cgil sanità: «Subito le assunzioni di operatori sociosanitari e infermieri»

massimo

San Pietro in Cariano, finisce fuoristrada con l’auto: grave 70enne

massimo

Soave, il sindaco Pressi sui ristori per i danni del maltempo: «Preoccupato dal silenzio del Governo»

massimo