29.3 C
Verona
13 Agosto 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, il Comune non si costituirà parte civile nel processo di mafia “Isola Scaligera”

Il Comune di Verona non si costituirà come parte civile nel processo di mafia “Isola Scaligera”. Lo fa sapere oggi il consigliere regionale d’opposizione Michele Bertucco (civica Verona e Sinistra in Comune) che sull’argomento aveva presentato in proposito un’interrogazione il 29 aprile scorso.

«“L’avvocatura civica non ravvisa legittimazione ad agire in capo al Comune per la costituzione di parte civile, in quanto l’eventuale illecito non ha recato danno all’Ente locale ma ad Amia, società partecipata di secondo livello”. Con queste poche, laconiche righe fatte stendere dall’Avvocatura Civica, il sindaco, al quale mi ero rivolto – spiega Bertucco – liquida la questione della costituzione del Comune parte civile nel processo seguito all’operazione antimafia Isola Scaligera del giugno 2020, avviato a Venezia lo scorso maggio».

«Una leggerezza incredibile, come se non si trattasse del primo grande processo di ndrangheta che riguarda il territorio veronese, con 43 imputati tra cui un ex presidente di partecipata e un direttore generale – accusa Bertucco -. Un’inchiesta che esamina il comportamento di una ‘ndrina appartenente alla cosca Nicoscia trapiantata in territorio scaligero e la capacità dell’organizzazione criminosa e mafiosa di raggiungere uomini e uffici della pubblica amministrazione per il tramite di una partecipata comunale seppure di “secondo livello”».

«Mi chiedo che senso abbia, dunque, l’adesione del Comune di Verona alla rete civica Avviso Pubblico, tenuto conto che la vicepresidente nazionale di Avviso Pubblico è l’ex assessore comunale Edi Maria Neri. Tutto un pro forma? – conclude il consigliere comunale -. Il punto non è tanto il danno economico causato dal presunto illecito ma il danno d’immagine e un’azione di principio a tutela dell’interesse collettivo della legalità che il Comune è chiamato a tutelare al di là di ogni considerazione materiale. Che danno avrebbe ricevuto la Regione Veneto, la Cgil Veneto e la Cgil di Verona che si sono costituite parte civile nel processo? L’hanno fatto per dare un segnale preciso, ovvero che è importante combattere le mafie e battersi sempre per la legalità. L’amministrazione Sboarina indietreggia anche sui valori fondamentali».

Condividi con:

Articoli Correlati

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo

Sanità, la Cgil denuncia: «La diagnostica biologica del Centro trasfusionale di Bussolengo spostata a Borgo Roma»

massimo

Verona, al “Mura Festival” il reggae dei “Niu Tennici in Roots of San Bernardin”

massimo

Zaia ricorda Augusto Salvadori: «Un veneziano innamorato fino in fondo della sua città»

massimo

San Giovanni Ilarione, arrestato il 61enne: era tornato a casa pistola in pugno

massimo

San Giovanni Ilarione, il pensionato che ha sparato all’ex moglie senza colpirla è in fuga armato

massimo