12.4 C
Verona
29 Settembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, il ministro Garavaglia battezza la nascita della Fondazione del Museo del Vino

Una Fondazione per sostenere la nascita a Verona del “Muvin”, l’eco-museo internazionale del vino. L’ha tenuta a battesimo ieri a Vinitaly il Ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, annunciando massimo appoggio del Ministero alla realizzazione dell’EcoMuseo Internazionale del Vino. «Un’idea che ha le gambe per correre. I musei iconici del gusto sono una grande opportunità per tutto il Sistema Italia – ha detto Garavaglia -. Il vino è una componente fondamentale dell’offerta turistica e in Italia abbiamo la fortuna di avere produzioni di eccellenza ma anche cantine bellissime da visitare. La vera innovazione è che con il Museo del Vino, Verona diventerà un hub per tutto il Paese ed in particolare per il settore dell’enoturismo italiano».

A fianco del ministro, il professor Diego Begalli, direttore del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università di Verona, che guida il Comitato Promotore del MUVIN-EcoMuseo Internazionale del Vino di Verona e Roberta Garibaldi, amministratore delegato di Enit-Agenzia Nazionale del Turismo, per la quale «i musei del gusto affiancano all’azione di tutela ed interpretazione del patrimonio enogastronomico una funzione turistica come la Citè du Vin di Bordeaux, rinomato Museo della cultura del vino, che accoglieva prima della pandemia una media di oltre 400 mila visitatori l’anno».

«Abbiamo l’idea di realizzare in Italia musei iconici del gusto – ha spiegato il ministro – che nel resto del mondo sono già un’attrazione potente ed in questo senso è ottima l’idea di realizzare il Museo della Pizza a Napoli. C’è una voglia di Italia pazzesca nel mondo e anche gli italiani hanno un gran voglia di muoversi, quindi dobbiamo guardare al futuro con grande ottimismo perché il Museo del Vino intercetterà questa nuova voglia di turismo».

«Affiancheremo e sosterremo la realizzazione del museo del vino di Verona” ha fatto sapere in conferenza stampa il Soprintendente per i Beni archeologici, belle arti e paesaggio di Verona, Vincenzo Tinè, mentre il professor Begalli ha presentato la nascita della Fondazione Muvin, che verrà istituita entro fine maggio con l’obiettivo di supportare la realizzazione del progetto: una Fondazione aperta alla partecipazione di enti, imprese, società e gruppi di persone che supporterà il progetto di un museo 4.0 strutturato su percorsi e spazi esperienziali con focus sulle eccellenze dei vitigni nazionali e internazionali e che prevede, al suo interno, anche spazi per presentazioni temporanee di vini italiani e internazionali manifestazioni culturali, proposte educative e laboratori.

«Stiamo lavorando ad un format innovativo, una piattaforma multidimensionale che prevede molte altre iniziative ed attività legate al museo che andranno a coniugare al meglio ciò che oggi troviamo nelle altre due realtà mondiali del settore, Bordeaux ed Adelaide. Un progetto che farà di Verona un brand di riferimento per il vino italiano nel mondo», ha concluso Begalli.

I tempi di realizzazione del Muvin sono previsti in circa una trentina di mesi.

Nella foto il ministro Garavaglia (a destra) con il professor Begalli

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, perde il controllo dell’auto e finisce contro un Tir colpendone il serbatoio: illeso ma strada chiusa per 3 ore

massimo

Salute, aperte le prenotazioni per le seconde dosi booster dai 12 anni in sù

massimo

Associazioni, i 50 anni dei “Veronesi nel mondo” e la “Giornata dei veneti nel Mondo”

massimo

Bardolino, il paese del Garda diventa sempre più verde: 120 mila euro per parchi e nuovi alberi

massimo

Legnago, consegnato all’istituto Medici il libro sul sacrificio del generale Dalla Chiesa

massimo

Occupazione, le farmacie Veronesi cercano oltre 30 laureati da assumere

massimo