9.4 C
Verona
29 Ottobre 2020
Cronaca Cronaca In evidenza Verona città

Verona, iniziato l’abbattimento del muro in viale dell’Agricoltura

venturi-pisa

L’assessore ai giardini e arredo urbano del Comune di Verona, Luigi Pisa, ed il presidente della 5ª Circoscrizione, Fabio Venturi, sono intervenuti questa mattina all’avvio dei lavori di demolizione dell’ultimo tratto del paramento murario tra viale dell’Agricoltura e via Scuderlando, in Borgo Roma.

L’intervento, che porterà alla realizzazione di una nuova recinzione metallica, rientra nell’ambito dei lavori di completamento della sistemazione dell’area denominata “Prusst Vr Sud – Ex Mercato ortofrutticolo”, compresa tra viale dell’Agricoltura e viale dell’Industria, dove sono già stati realizzati un marciapiede con annessa pista ciclabile, parcheggi e aiuole e dove verrà realizzato il nuovo parco urbano.

«La demolizione del muro – ha spiegato Pisa – si è resa necessaria oltre che per il peggioramento delle condizioni statiche del paramento anche per ragioni estetiche finalizzate ad uniformare la delimitazione dell’area. La nuova recinzione, alta 1,50 m circa, contribuirà ad aumentare la sicurezza e la pulizia dell’area interna che, attualmente, è adibita a parcheggio per gli eventi fieristici».

«Oltre a dare luce e maggiore visibilità – ha aggiunto Venturi – l’abbattimento del muro costituisce un simbolo di quanto quest’area si stia trasformando e riqualificando. Entro ferragosto verranno aperte le strade limitrofe ai due lotti di proprietà comunale, denominate via Ongaro e via Bruto Poggiani, con conseguente riduzione del traffico su via Scuderlando».

Articoli Correlati

Nomine, scelti capigruppo e vice in consiglio regionale

massimo

Verona, incontro per riorganizzare il volontariato nell’emergenza Covid

massimo

Covid, il primario di pneumologia di Legnago addestrerà medici a Villafranca

massimo

Verona, sul web la conferenza in ateneo su “Servizi pubblici per la crescita”

massimo

Verona, protesta di ristoratori e baristi: «Siamo a terra»

massimo

Studio dell’Ateneo di Verona: Tra il 2005 e il 2015, oltre 10.000 medici e 8.000 infermieri hanno lasciato l’Italia

massimo