20.7 C
Verona
4 Ottobre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, l’Accademia di Belle Arti riparte coi corsi come “istituto scolastico statale”

L’Accademia di Belle Arti di Verona è diventata istituto scolastico statale. Da lunedì 12 settembre riparte con i corsi nel nuovo statuto. È stato approvato il 3 agosto con voto unanime del consiglio comunale di Verona l’accordo che sancisce l’ultima tappa del passaggio dell’Accademia di Belle Arti di Verona al settore pubblico. L’iter avviato nel 2017 ha portato cinque Accademie storiche italiane private a vedere riconosciuto il proprio valore storico culturale e per questo motivo essere meritevoli di definizione pubblica.

Nella sostanza l’attività dell’Accademia, già equiparata e riconosciuta dal Ministero dell’Università e della Ricerca a quella universitaria con il rilascio di diplomi di primo e secondo livello, non cambia. Continuano i corsi di studio, i progetti, le attività istituzionali e internazionali. Continuano le numerose collaborazioni con professionisti, enti e organizzazioni culturali e sociali. La vera trasformazione avviene nella definizione della sua natura: da ente partecipato del Comune di Verona a ente pubblico statale.

Si auspica così un’apertura a un bacino ancora più ampio di studenti, assunzioni di numerosi docenti del suo già nutrito corpus, possibilità più ampie di accesso a finanziamenti anche pubblici, ma, soprattutto, garanzia della continuità della sua storia nel futuro.

Questa storia, lunga e contraddistinta da una forte vitalità, rappresenta un unicum nel panorama italiano con la nascita dell’Istituzione che risale alla fine del ‘700 a opera del pittore Giambettino Cignaroli, in un’epoca in cui la formazione artistica avveniva all’interno di botteghe e per una ristretta cerchia di artisti e appassionati. Tra i momenti principali va segnalato il riconoscimento legale delle Scuole di Pittura, Scultura, Scenografia, Decorazione, Restauro e Progettazione artistica per l’impresa che ha portato nel 2012 all’accreditamento di tutti i corsi dell’Accademia di Belle Arti di Verona quale Istituzione per l’Alta Formazione Artistica (AFAM) riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

L’Accademia, che conta oltre 800 iscritti, ha aperto le iscrizioni dell’anno 2022-2023 con nuovi indirizzi biennali, l’Animation & game art e l’Atelier direction che si affiancano alla proposta formativa tradizionale.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, domani apre Eatalty nell’antica Stazione Frigorifera Specializzata degli ex Mercati Generali

massimo

Pnrr, in arrivo 3,28 milioni di euro per il potenziamento del depuratore di Affi e 1,5 milioni per quello di Bussolengo

massimo

Legnago, presentata la stagione 2022-23 del Teatro Salieri: da Stefano Accorsi a Elio che canta Jannacci, ai ballerini della Parsons Dance

massimo

Cinema&Musica, decolla stasera la prima edizione del “Legnago Film Festival”

massimo

Verona, ragazza 21enne cade nell’Adige: salvata dai Vigili del Fuoco

massimo

Verona, è un 40enne di Bosco Chiesanuova l’operaio morto oggi travolto da un Tir

massimo