8.6 C
Verona
4 Dicembre 2022
In evidenza Spettacoli & cultura ultimaora

Verona, Mogol racconta musica e poesia alla rassegna Idem al Teatro Filarmonico

Giulio Rapetti Mogol, in arte Mogol, 83 anni portati alla grande sarà il protagonista, lunedì 24 febbraio, alle 21 al Teatro Filarmonico di Verona, del nuovo appuntamento della rassegna Idem 2019-20 su “L’espressione poetica”. Mogol, in una serata dal titolo “Un angelo caduto in volo” dalla canzone di Lucio Battisti scritta naturalmente da Rapetti, affronterà una carrellata sulla canzone italiana ed internazionale, da Bob Dylan a Patty Bravo. Un racconto, attraverso emblematiche canzoni, sulla poesia espressa dalla connessione tra parole e musica che dà vita all’arte poetica più popolare da metà Novecento, il rock e la canzone d’autore. Alle riflessioni sulle svolte di questa appassionante storia, si uniscono i ricordi personali, dal successo di Una lacrima sul viso, alle collaborazioni con Mina e Celentano, al sodalizio con Battisti, un binomio unico che ha segnato la musica leggera italiana.

La rassegna, diretta da Alcide Marchioro, patrocinata dal Comune di Verona, con main partner Cattolica Assicurazioni, è un appuntamento ormai classico per la città, con una presenza di pubblico senza eguali nel panorama nazionale per incontri di riflessione culturale, con sempre oltre mille persone ad evento e il Teatro Filarmonico esaurito.

Condividi con:

Articoli Correlati

Sanità, domani sera su Report un’inchiesta sulla situazione di ospedali e pronto soccorsi in Veneto

massimo

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo