26.1 C
Verona
19 Luglio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, nasce l’impresa sociale “Gli amici di Simone” in ricordo dell’imprenditore Pasinato

Costituita a Verona l’impresa sociale “Gli Amici di Simone”, voluta dalla famiglia del giovane imprenditore veronese Simone Pasinato (nella foto), scomparso nel 2020 a soli 47 anni, e dal gruppo di aziende che lui aveva creato,

Pasinato, già promettente calciatore dell’Hellas e vicepresidente dei Giovani Imprenditori di Verona, aveva, infatti, un lato poco noto: l’instancabile impegno solidale, la volontà di dare una mano a tutti. Oggi, continuare quel suo impegno e le iniziative di solidarietà sul territorio ma con una struttura organizzata, le sue aziende e la sua famiglia hanno presentato “Gli Amici di Simone”, impresa sociale che vede presidente il fratello Giovanni Pasinato, e componenti Andrea Pasinato, Marcello Guadalupi, Antonella Mirenda e Michela Gambaro.

«Da bambini giocavamo a pallone assieme, poi lui è diventato un grande calciatore, e un imprenditore impegnato», lo ha ricordato nel suo intervento il sindaco di Verona, Federico Sboarina, che ha parlato del significato de “Gli Amici di Simone” come impresa sociale: «Un progetto che nasce da un dolore immenso ma che porterà grandi benefici. Investire per far vivere meglio anche solo un quartiere o una famiglia è un progetto di enorme valore». Lo ha confermato monsignor Cristiano Falchetto, delegato del vescovo Zenti: «Significa creare profitto con in più l’attenzione ai bisogni. E questo genera convivenza, relazioni, assistenza». Per Raffaele Grottola, dirigente delle Politiche sociali dell’Ulss 9, la nascita di quest’impresa sociale «si inserisce in un contesto solidale di cui il territorio è molto ricco e di cui beneficia tutta la comunità, soprattutto nell’area delle nuove povertà». E Michele Romano, presidente della Croce Verde di cui Simone era stato volontario, punta «a progetti condivisi per gli anziani, una “famiglia” importante ma fragile».

“Gli Amici di Simone” rivolgerà la sua attenzione agli anziani cui recapitare la spesa, alla raccolta fondi per un furgone che trasporti i disabili, alla ricerca sulle malattie rare oppure alla guerra al Covid attraverso la sanificazione d’emergenza. E proseguirà, rafforzandosi, il supporto alla onlus Continuando a Crescere, che sostiene le famiglie con bambini e ragazzi con disabilità attraverso progetti di inclusione, servizi educativi e percorsi di crescita. C’è poi I Bambini delle Fate, impresa sociale che si occupa di famiglie con problemi di autismo e altre disabilità, attraverso progetti che coinvolgono molte imprese e sostenitori privati.

Simone Pasinato non sapeva dire no. E nella solidarietà metteva la stessa determinazione che lo ha portato trasformare l’impresa creata dal padre Giovanni nel 1978 in un gruppo di aziende nel settore idro-termosanitario, edile ed elettrico. Da anni sosteneva associazioni riconosciute e piccole realtà di assistenza. Ed era presente, senza clamore, ogni volta che raccoglieva una segnalazione. Il virus invece di frenare l’attività lo ha spinto a moltiplicare gli sforzi: «Ci si salva tutti insieme», diceva. Quando il malore se l’è portato via lavorava per attrezzare reparti anti-Covid negli ospedali e nelle Rsa. L’impresa sociale “Gli amici di Simone” riprende questa eredità.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, denuncia di Gottardi (Uil) sul degrado all’ospedale Geriatrico: «All’interno vivono sbandati violenti e pericolosi»

massimo

Verona, celebrato ieri il ricordo dell’assalto partigiano al Carcere degli Scalzi

massimo

Verona, grazie all’8xmille alla Chiesa Cattolica è nata Casa Santa Elisabetta per donne in difficoltà

massimo

Valpolicella Doc, presentato in Regione il Dossier socioeconomico 2024 della principale denominazione Rossa del Veneto

massimo

Feste de L’Unità 2024, il via venerdì 19 luglio a Quinzano e Casaleone

massimo

Oppeano, rinnovato l’accordo integrativo alla Finstral

massimo