15.1 C
Verona
26 Maggio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, presidio davanti alla Cgil dopo l’assalto fascista alla sede di Roma

Da ieri sera, sabato 9 ottobre, la Camera del lavoro di Verona, come centinaia di altre sedi sindacali nel resto del Paese, viene presidiata permanentemente da sindacalisti e responsabili delle categorie. Questo dopo l’incredibile assalto di stampo fascista avvenuto ieri pomeriggio a Roma alla sede nazionale della Cgil da alcuni facinorosi del corteo NoVax.

Il presidio è continuato tutta la notte mentre da oggi, domenica 10 ottobre, verrà allargato a delegati sindacali e lavoratori che affluiranno verso la sede provinciale di via Settembrini e verso tutte le altre sedi sindacali della provincia di Verona.

«La risposta della Cgil all’assalto squadrista alla sede nazionale a Roma da parte di gruppi neofascisti mascherati da NoVax è forte e compatta – dice il segretario generale della Camera del Lavoro di Verona, Stefano Facci –. Con questa mobilitazione straordinaria vogliamo prevenire eventuali azioni emulative nonché difendere un fondamentale principio di democrazia che è la libertà di fare sindacato, che oggi è stato violato. Chiediamo che questo gesto, che richiama alla memoria gli assalti squadristi alle Camere del lavoro dell’inizio del Ventennio fascista, non resti impunito e che si provveda finalmente a mettere al bando tutte le formazioni politiche che si ispirano ai valori e alle pratiche del fascismo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Mezzane di Sotto, l’impoverimento della biodiversità porta ad un calo di aziende agricole

massimo

VeronaFiere, inaugurata l’ottava edizione di Vapitaly, rassegna internazionale della sigaretta elettronica

massimo

Verona, maxi controllo della Polizia Locale sugli autobus Atv: in più di 100 senza biglietto

massimo

Pallacanestro, il Legnago Basket conquista la promozione in Serie D

massimo

Verona, patto educativo con al centro la sostenibilità tra l’istituto Gresner e otto realtà della provincia

massimo

I sindacato del Veneto contro la proposta del governo di privatizzare Poste Italiane

massimo