27.8 C
Verona
17 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona prima città in Italia con il protocollo “C’è Luisa?” contro le molestie alle donne

Verona sarà la prima città in Italia a promuovere il protocollo di sicurezza “C’è Luisa?”, per donne e ragazze che si trovano in una situazione di disagio all’interno di un bar, ristorante o discoteca dal quale vogliono uscire con discrezione e in sicurezza.

In tutti i locali aderenti, nel caso di pericolo o possibili molestie, basterà avvicinarsi al personale del locale e chiedere “C’è Luisa?” per allertare, in modo discreto, lo staff, che procederà con l’allontanamento della possibile vittima, alla quale verrà poi offerto l’aiuto più opportuno: un taxi, una telefonata a casa o, nei casi più gravi, l’arrivo delle forze dell’ordine.

Il progetto, già attivo in Germania e Svizzera con lo stesso slogan, è promosso da Krav Maga, associazione sportiva di difesa personale, con il patrocinio del Comune di Verona. Già dalle prossime settimane, i locali della città potranno aderire all’iniziativa, esponendo il materiale illustrativo e formando il personale. Sono in fase di studio degli accordi con l’associazione RadioTaxi di Verona e con il Sindacato nazionale dei locali da ballo, affinchè il protocollo di sicurezza venga attivato in tutta Italia.

Sul sito www.celuisa.it sono presenti tutte le informazioni relative al progetto e sarà aggiornato, di settimana in settimana, l’elenco delle attività commerciali coinvolte. I locali aderenti saranno sottoposti a controlli e verifiche per assicurare l’applicazione del protocollo.

Condividi con:

Articoli Correlati

Malcesine, sabato si inaugura la mostra del pittore Athos Faccincani

massimo

Brenzone, cadono in modo da soli: due feriti gravi

massimo

Sanità, nell’Ulss 9 già 27 mila cittadini senza medico ed altri 16 mila nelle prossime settimane per pensionamenti

massimo

Roverchiara, “Cereal Docks Organic”: «In fiamme solo un magazzino. Produzione salva»

massimo

Soave, serata di poesia al parco Zanella

massimo

Roverchiara, distrutta dalle fiamme parte della “Cereal Docks Organic”

massimo