8.1 C
Verona
29 Novembre 2020
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, protesta di ristoratori e baristi: «Siamo a terra»

Manifestazione questa mattina in piazza Bra di un centinaio di ristoratori e baristi riuniti da di FIPE-Confcommercio per protestare contro il blocco delle attività alle 18 deciso nell’ultimo Decreto di contenimento dell’epidemia da Coronavirus.

«Siamo a terra moralmente perchè, a quasi otto mesi dal primo lockdow, non veniamo considerati alleati dell’ordine pubblico e non vediamo riconosciuto il nostro valore sociale, ma ci sentiamo usati ancora una volta come capro espiatorio di socialità per controlli che mancano e misure di organizzazione che fanno difetto. Ci sfibra l’incertezza e ci demotiva l’instabilità, in un’insensata gara all’untore, e allora lo vogliamo dire con forza. Non siamo noi i responsabili della curva dei contagi. Noi non siamo il problema. Possiamo e vogliamo essere parte della soluzione».

Nella provincia di Verona sono oltre 7.000 le imprese dei pubblici esercizi attive, quasi 4.000 delle quali nella città capoluogo; insieme al commercio, questo settore che è presidio e ambasciatore del nostro territorio dà lavoro a quasi 100mila dei 410mila occupati del territorio veronese, stando ai dati della Camera di Commercio.

In Veneto i pubblici esercizi sono circa 26mila con quasi 85mila occupati, per un valore dei consumi che nel 2019 ha toccato 8,3 miliardi di euro.

Articoli Correlati

Legnago, i tamponi confermano: nessun positivo alla casa di riposo

massimo

Bovolone, ordinanza del sindaco riapre il mercato settimanale

massimo

Verona, nuovo impianto di illuminazione a Led per il palasport Agsm Forum

massimo

Legnago, domani l’accensione dell’albero di Natale in piazza Garibaldi

massimo

Misure antiCovid, Zaia annuncia la riapertura al sabato dei negozi di medie e grandi dimensioni

massimo

Verona, la vittima dell’incidente sul lavoro è un operaio di 38 anni, di origine rumena

massimo