11.8 C
Verona
28 Febbraio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, protesta di ristoratori e baristi: «Siamo a terra»

Manifestazione questa mattina in piazza Bra di un centinaio di ristoratori e baristi riuniti da di FIPE-Confcommercio per protestare contro il blocco delle attività alle 18 deciso nell’ultimo Decreto di contenimento dell’epidemia da Coronavirus.

«Siamo a terra moralmente perchè, a quasi otto mesi dal primo lockdow, non veniamo considerati alleati dell’ordine pubblico e non vediamo riconosciuto il nostro valore sociale, ma ci sentiamo usati ancora una volta come capro espiatorio di socialità per controlli che mancano e misure di organizzazione che fanno difetto. Ci sfibra l’incertezza e ci demotiva l’instabilità, in un’insensata gara all’untore, e allora lo vogliamo dire con forza. Non siamo noi i responsabili della curva dei contagi. Noi non siamo il problema. Possiamo e vogliamo essere parte della soluzione».

Nella provincia di Verona sono oltre 7.000 le imprese dei pubblici esercizi attive, quasi 4.000 delle quali nella città capoluogo; insieme al commercio, questo settore che è presidio e ambasciatore del nostro territorio dà lavoro a quasi 100mila dei 410mila occupati del territorio veronese, stando ai dati della Camera di Commercio.

In Veneto i pubblici esercizi sono circa 26mila con quasi 85mila occupati, per un valore dei consumi che nel 2019 ha toccato 8,3 miliardi di euro.

Condividi con:

Articoli Correlati

Colognola ai Colli, Matteo ricevuto da Zaia: «Insegniamo il primo soccorso nelle scuole»

massimo

Legnago, al Salieri “Il Paese delle Favole a Rovescio” di Rodari per il Teatro Famiglie

massimo

Verona, al Ristori la grande danza internazionale con la Compagnia newyorkese “YY Dance Company”

massimo

Verona, alla Libreria Pagina Dodici la presentazione del libro di Spadaccia sul Partito Radicale

massimo

Incontro su sicurezza, accoglienza migranti, Protezione civile tra il prefetto e 18 sindaci dell’Est Veronese

massimo

Verona, partorisce prima del tempo in casa: mamma e bambino in gravi condizioni

massimo