9.1 C
Verona
3 Dicembre 2022
In evidenza Politica ultimaora

Verona, rimpasto di giunta: entrano Bassi e Bianchini

Da ieri Andrea Bassi (FdI in quota Casali) e Stefano Bianchini (ex Forza Italia oggi praticamente uomo del sindaco) sono i due nuovi assessori della giunta Sboarina a Verona che vanno a sostituire Daniele Polato (il vicesindaco di FdI) eletto in Regione) ed Edi Maria Neri (leghista “dimissionata” dal sindaco per far posto a Bianchini). Sboarina ha firmato i decreti di nomina, procedendo anche a una ridistribuzione delle deleghe tra tutti i componenti dell’esecutivo di Palazzo Barbieri.

Un rimpasto di giunta che arriva dopo mesi di battaglia tutta all’interno della maggioranza di centrodestra che sorregge il primo cittadino e che continua in queste ore con le nomine nelle municipalizzate scaligere, tutte in scadenza, da Amt all’Amia, Consorzio Zai fino all’Agsm. Un confronto che ha visto, nei giorni scorsi, Forza Italia uscire dalla maggioranza e passare all’opposizione.

Bassi, consigliere regionale uscente e che aveva deciso di non ricandidarsi «per dedicarsi alla famiglia», diventa assessore all’edilizia privata e economico-popolare, edilizia sportiva e patrimonio. A Bianchini vanno le aziende partecipate, l’informatica e i servizi demografici. L’Economato, che comprende anche il nuovo project financing con Agsm lighting per l’illuminazione pubblica, è stato assegnato al vicesindaco Luca Zanotto già competente sui Lavori pubblici. Sicurezza e Protezione civile a Marco Padovani. Il Turismo passa nelle mani di Francesca Toffali. Anticorruzione, trasparenza e affari legali restano, invece, al primo cittadino.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, lutto nel mondo agricolo e sindacale per la scomparsa di Laura Ferrin

massimo

Rinnovabili, Borchia (Lega): «Pericolo dipendenza tecnologica da Cina, ora creare filiera fotovoltaico in Europa»

massimo

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo