5.3 C
Verona
28 Novembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, schiamazzi, risse e anche droga tra gli studenti che saltano la scuola

polizialocale01

Sono per lo più di Caldiero, Castel d’Azzano, Lavagno e Bussolengo gli studenti identificati ieri dalla Polizia municipale di Verona, intervenuta a seguito di lamentele di residenti e commercianti per il degrado crescente e il consumo di sostanze stupefacenti in alcune aree tra corso Porta Nuova, volto San Luca, via dei Mutilati e nella zona di vicolo del Guasto.

Ieri, poco prima delle 10, sono scattati controlli straordinari della Polizia municipale ad un folto gruppo di studenti, che non hanno saputo giustificare agli agenti la propria assenza dalla scuola. Tra la ventina di persone identificate, la metà residenti a Caldiero, Castel d’Azzano, Lavagno e Bussolengo, sono state controllate due ragazzine di 13 anni che hanno ammesso di non essere andate a scuola, una media inferiore del centro, all’insaputa dei genitori. La Polizia municipale ha informato i responsabili della scuola e invierà una comunicazione ai genitori. La situazione nell’ultima settimana è stata monitorata dalle numerose telecamere della zona, che hanno rilevato la presenza di oltre 100 studenti davanti ad un noto locale di corso Porta Nuova già dalle 9 del mattino, area in cui avvengono anche liti e fenomeni di bullismo. I controlli proseguiranno nei prossimi giorni, anche per prevenire danneggiamenti alla segnaletica stradale e le scritte sui muri.

Condividi con:

Articoli Correlati

Cologna Veneta, vinto un premio da 20 mila euro al 10eLotto

massimo

Verona, sette persone all’ospedale, di cui 4 gravi, per un incidente tra più auto

massimo

Bovolone, 86enne investito da un’auto: è gravissimo

massimo

Verona, grazie ad Adiconsum recupera 4500 euro sottrattigli con una truffa bancaria via sms

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Nogara, al Teatro Comunale in scena “Come respirare. Storie di ordinaria violenza” sul tema della violenza di genere

massimo