-0.4 C
Verona
17 Gennaio 2021
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, sequestrati 88 chili di marijuana a tre trafficanti

I Carabinieri della Sezione Operativa di Verona nella giornata di sabato hanno tratto in arresto tre cittadini Serbi con l’accusa di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, sequestrano ben 88 chili di marijuana su un’auto ed un Tir fernati tra i caselli di Lonigo e Soave dell’autostrada Serenissima.

L’operazione ha avuto inizio con un normale servizio volto alla repressione dei reati contro gli stupefacenti nelle vicinanze dei caselli autostradali scaligeri. In un’area di sosta è stata notata una macchina di grossa cilindrata parcheggiata tra i camion con i due occupanti che, dopo aver parlato con un autotrasportatore, sono ripartiti frettolosamente. Il loro atteggiamento ha insospettito i militari che hanno deciso di seguirli finché non si sono fermati nuovamente nella zona industriale di Lonigo, in provincia id Vicenza, dove i due sono stati visti caricare nel baule della macchina due grosse borse da viaggio nere, per poi ripartire. È così scattato il controllo alla macchina, dove sono stati rinvenuti oltre 12 kili di marijuana, contenuta in altrettanti sacchi sottovuoto e termosaldati. Immediatamente i Carabinieri hanno capito che il venditore fosse ancora nei paraggi, individuandolo in un camionista che, cercando di far trasparire tranquillità, si stava allontanando con il proprio mezzo. La perquisizione del camion ha rivelato una ingentissima quantità di droga, ben 76 kili di infiorescenza di marijuana, dello stesso tipo e confezionata allo stesso modo di quella trovata poco prima nell’auto. Al Camionista sono stati sequestrati anche 3700 euro in contanti.

Per i due passeggeri della macchina e per l’autista del mezzo pesante, tutti di origine serba, quarantenni e senza precedenti per droga, si sono aperte le porte del carcere di Vicenza, dove si trovano ristretti in attesa dell’interrogatorio di garanzia dove, forse, spiegheranno come mai avevano tutto quello stupefacente con loro. Inizierà, invece, un’approfondita analisi per capire da dove provenisse lo stupefacente, sicuramente destinato anche allo spaccio al minuto nella provincia scaligera.

Articoli Correlati

Sona, sfonda il tetto e precipita nella chiesa di San Giorgio in Salici: è grave

massimo

Calcio Serie C, illusione Legnago a Fermo: ora è rischio salvezza

massimo

Nogara-Gazzo, nasce il sistema acquedottistico del futuro del Basso Veronese

massimo

Castelnuovo del Garda, investiti tre giovani ciclisti in allenamento: uno è grave

massimo

Lessinia, recuperato l’escursionista scivolato in un canalone vicino al rifugio Pertica

massimo

Lessinia, scivola in un canalone vicino al rifugio Pertica: soccorso in atto

massimo