24.5 C
Verona
16 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, sgominata una banda di trafficanti di droga serbi

Nella giornata di ieri i carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Verona hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino serbo, concludendo un’articolata indagine che ha permesso di disarticolare un’importante organizzazione dedita al traffico di marijuana.

Era il 19 maggio 2020 quando, a San Martino Buon Albergo, un equipaggio della Sezione Radiomobile ha proceduto all’arresto, a seguito di un normale controllo alla circolazione stradale, di due uomini, un cittadino serbo trentasettenne ed un settantaquattrenne italiano, entrambi residenti nella Provincia di Vicenza che viaggiavano a bordo di un’automobile, sui cui sedili posteriori erano sistemati due borsoni con all’interno un ragguardevole quantitativo di marijuana di ben 35 chili.

Da quel pomeriggio, il lavoro per ricostruire cosa e chi ci fosse dietro quell’ingente carico di droga, è passato al setaccio dei militari della Sezione Operativa della Compagnia di Verona. L’attività investigativa ha permesso così di individuare sia soggetti che partecipavano all’importante traffico di stupefacenti che di arrivare sino in Spagna dove la droga veniva acquistata per poi essere smerciata in diverse province del Nord Italia con il coinvolgimento, oltre che dei due arrestati, di un gruppo di cittadini serbi, residenti nel vicentino, tutti identificati con certezza.

Alla luce dell’attività di analisi condotta e dei riscontri ottenuti in termini di arresti in flagranza e sequestri di ingenti quantità di droga, i Carabinieri della Sezione Operativa hanno così richiesto ed ottenuto dall’Autorità Giudiziaria l’emissione di due ordinanze di custodia cautelare in carcere.

Una è stata eseguita lo scorso sabato nei confronti di un cittadino serbo, la “mente” del gruppo, che ha organizzato e diretto la rete di rifornimento della marijuana. Quest’ultimo, incensurato, a seguito dell’importante sequestro dello scorso ottobre si era premurato di cambiare il proprio cognome in modo da rendere più difficoltoso il suo rintraccio. Ma nemmeno questo espediente gli ha permesso di sottrarsi alla cattura, avvenuta a Barletta. Infatti gli investigatori avevano già scoperto il cambio d’identità e consentendone il rintraccio quando ha presentato il documento per la registrazione in un hotel.

Infine, nella giornata di ieri, l’ordinanza è stata eseguita anche nei confronti del secondo destinatario, serbo anche lui, ovvero il braccio operativo della mente criminale, residente a Vicenza da anni, e proprio colui che la Sezione Radiomobile aveva arrestato il 19 maggio quale conducente di quell’auto nella quale furono trovati i 35 chili di marijuana. Ad entrambi i serbi, rispettivamente di 41 e 38 anni, è stato contestato il reato di traffico internazionale di stupefacenti, in concorso per le ingenti quantità di marijuana importate illecitamente nel nostro paese.

Condividi con:

Articoli Correlati

Politiche 2022, il Pd candida come capolista alla Camera l’uscente Alessia Rotta

massimo

Politiche 2022, oggi le “Parlamentarie” 5 Stelle sui candidati: esclusa la veronese Businarolo

massimo

Verona, al “Mura Festival” appuntamento con le degustazioni di Slow Food

massimo

Ciclismo, Biondani (Autozai Petrucci Contri) quarto a Ceneda di Vittorio Veneto

massimo

Verona, Estravagario Teatro porta in scena “Un uomo, il pianoforte, il mare”

massimo

Olivicoltura, video dell’Aipo: olive entrate nella fase di inolizione

massimo