5.3 C
Verona
4 Dicembre 2021
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, sì alla mozione di Traguardi: la città diventa “rifugio per i difensori dei diritti umani”

Il consiglio comunale di Verona ha approvato ieri sera la mozione della civica “Traguardi” affinché la città entri nella rete dei Comuni «In difesa di», impegnati a promuovere una cultura dei diritti umani e a stare al fianco di difensore e difensori di diritti umani ed ambientali, tra cui avvocati, docenti, attivisti, leader sociali e giornalisti che, proprio perché pacificamente lottano per le libertà e i diritti fondamentali, affrontano rischi e sono spesso vittime di gravi abusi nel loro Paese.

«La proposta lanciata da Traguardi in occasione della Giornata mondiale dei diritti umani, lo scorso 10 dicembre, era nelle corde della nostra città, accogliente e generosa, dove chi è in pericolo potrà d’ora in poi vivere tranquillo, ma in attività, per un periodo circoscritto della propria vita. Ringrazio i colleghi consiglieri comunali di maggioranza e opposizione che l’hanno appoggiata», afferma Tommaso Ferrari, consigliere comunale di Traguardi.

La mozione è stata approvata con 21 voti a favore, 7 contrari e 3 astenuti. Alla sua stesura e presentazione hanno contribuito il coordinamento nazionale della rete In difesa di e i componenti locali della rete stessa che oggi esprimono soddisfazione. Essere “in difesa di” presuppone una collaborazione con la società civile e una forte sinergia tra reti nazionali e internazionali già presenti sul territorio locale impegnate nella tutela dei diritti e la tutela di soggetti vulnerabili, come le reti CUCS, Manifesto Università inclusiva, Scholar at Risk e Università per la Pace a cui l’ateneo di Verona appartiene.

«Farsi carico della tutela dei diritti umani è un dovere delle città, che sono la struttura statale più vicina al cittadino e in grado di influenzare davvero la realtà di tutti i giorni. Siamo orgogliosi di aver contribuito all’approvazione di questa mozione, pensata in difesa di tutti i colleghi che nel mondo mettono la propria vita in gioco per difendere la giustizia e la libertà. Crediamo davvero che una Verona attenta alla difesa dei diritti umani sia una Verona più forte e proiettata verso un futuro internazionale», commenta Anna Tragni, avvocato di strada a Verona.

Alle sue parole fanno eco quelle della Commissione Diritti Umani dell’Ordine degli Avvocati di Verona, che in qualità di membro della Rete in Difesa Di, esprime soddisfazione per l’impegno del Comune nel promuovere la tutela dei diritti umani e quello, strettamente connesso, della tutela dei difensori di tali diritti, che «Per l’Ordine degli Avvocati di Verona rappresenta l’espressione più incisiva della funzione sociale dell’avvocatura, tanto nell’esercizio dell’attività professionale quotidiana, quanto nella necessaria sensibilizzazione dell’opinione pubblica».

«Verona è un nuovo ente locale che assume la responsabilità di supportare e tutelare attivamente chi difende i diritti umani, ed è per noi segno del procedere di un percorso positivo e innovativo sul territorio italiano», evidenzia Selene Greco, referente del gruppo di coordinamento della rete nazionale In difesa di.

«Amnesty International esprime grande soddisfazione per il traguardo raggiunto dal Comune di Verona nella difesa dei diritti umani e di chi li protegge, prerogativa della rete In difesa di – afferma l’avvocato Silvia Savoia, responsabile del Gruppo Amnesty di Verona -. «Grazie alla preziosa e indispensabile collaborazione degli enti locali, è possibile proteggere i diritti dei difensori dei diritti umani e garantire la loro capacità di svolgere le loro attività in un ambiente sicuro. Il loro lavoro è fondamentale per il funzionamento di una società giusta ed equa in cui i diritti di tutti siano rispettati».

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, attimi di terrore per un ragazzino di 14 anni caduto in Adige: salvato dai Vigili del fuoco

massimo

Castion Veronese, escono di strada con l’auto: 4 feriti di cui due gravi

massimo

Covid, primo caso di variante Omicron in Veneto: un vicentino tornato dal Sud Africa

massimo

Nogara, per Veneto Spettacoli di mistero la rievocazione “I guerrieri dell’Olmo nella Valle del Tartaro”

massimo

Lotta al Covid, da lunedì Green pass obbligatorio per viaggiare in autobus

massimo

Legnago, da oggi possibile disperdere le ceneri dei propri cari nel fiume Adige

massimo