7.7 C
Verona
2 Dicembre 2022
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, smantellata dalla Squadra Mobile una centrale di spaccio: 5,5 chili di droga sequestrati

La Sezione antidroga della Squadra Mobile di Verona ha smantellato una centrale di spaccio sequestrando 5 chili e mezzo di droga tra hashish e cocaina per un valore al dettaglio di oltre 200 mila euro ed arrestando un cittadino marocchino di 49 anni, gravato da precedenti penali specifici, irregolare sul territorio nazionale, sorpreso con la droga nel baule del motorino.

L’indagine è stata l’esito di un servizio antidroga svolto nel pomeriggio di giovedì scorso nella zona di Piazzale Olimpia, dove i poliziotti si sono messi a seguire un motociclo, marca Honda Sh di colore nero, guidato da un cittadino nordafricano. Una volta imboccata via Sogare, l’uomo è stato visto mentre si fermava a margine della carreggiata, scendeva dal motorino con in mano dei sacchetti e li depositava dietro a un albero, all’interno dell’area boschiva.

Non appena il quarantanovenne si è allontanato dalla zona, gli uomini dell’antidroga hanno perlustrato il bosco e hanno trovato sotto un asse di legno 12 panetti di hashish, del perso di circa 100 grammi ognuno, confezionati con del cellophane ed etichettati. Sulla targhetta adesiva, la scritta “Power”, a significare la particolare qualità dello stupefacente.

Lo stesso ciclomotore era stato visto nei giorni precedenti dagli agenti in via Brunelleschi, zona Stadio, dove era stata segnalata un’abitazione frequentata da soggetti nordafricani sospetti. Le indagini sono proseguite con appostamenti proprio in via Brunelleschi e con il pattugliamento del vicino quartiere San Massimo.

In via della Fratellanza, nella prima serata di lunedì scorso, è stato rintracciato lo stesso motociclo, questa volta parcheggiato vicino ad un parco pubblico. Poco dopo, i poliziotti hanno visto arrivare un’Audi A3 di colore bianco dalla quale è sceso un soggetto di chiare origini nordafricane che, con in mano un casco, è salito a bordo del motorino e si è allontanato da via della Fratellanza, seguito dall’Audi A3.

Raggiunta la vicina via Brigata Piemonte, il cittadino nordafricano, dopo aver parcheggiato il ciclomotore tra le macchine in sosta, è risalito in auto e si è allontanato dalla zona. Gli operatori di Polizia sono rimasti in appostamento in quel punto per qualche ora; dopo le 23, infatti, il nordafricano è tornato per riprendere lo scooter, questa volta a bordo di una Fiat Punto. In questo frangente, i poliziotti dell’antidroga hanno deciso di intervenire e di sottoporre a controllo l’uomo che ha tentato la fuga a bordo del motorino. Il cittadino straniero è stato fermato, dopo un breve inseguimento, in via Brigata Piemonte.

Nel bauletto della moto sono stati trovati 38 panetti di hashish, anche questi del peso di 100 grammi ciascuno, confezioni ed etichettati con la stessa scritta “Power” dello stupefacente rinvenuto in via Sogare.  Inoltre, gli agenti hanno rinvenuto anche un panetto contenente oltre 570 grammi di cocaina e un bilancino elettronico di precisione.

Il quarantanovenne è stato arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti. La successiva perquisizione, eseguita dai poliziotti sia nell’autovettura Fiat Punto, che nella sua abitazione, ha consentito di rinvenire complessivamente più di 18 mila euro in contanti.

Il Pubblico Ministero, Maria Federica Ormanni, ha disposto l’accompagnamento dell’uomo al carcere di Montorio dopo la convalida celebratasi questa mattina.

Condividi con:

Articoli Correlati

Verona, camionista muore in un incidente tra Tir sulla strada dell’Alpo

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Morte di Rebellin, il ricordo di Zaia: «Il ciclismo veneto perde una figura storica, esempio di atleta e di uomo»

massimo

Tragedia nel ciclismo: Davide Rebellin travolto e ucciso da un Tir mentre si allena in bicicletta

massimo

Verona, folle fuga in auto contromano in tangenziale per scappare ai Carabinieri

massimo

San Bonifacio,  arrestati dai Carabinieri i due autori della rapina ad un’anziana al cimitero

massimo