15.2 C
Verona
30 Settembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, sottoscritto l’accordo sindacale all’Istituto Anziani sul fondo risorse decentrate 2020

Oggi, 28 dicembre, all’Istituto Assistenza Anziani di Verona è stata definitivamente sottoscritta la ripartizione del fondo delle risorse decentrate 2020. Nel corso dell’incontro le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Fp Cisl e Fp Csa unitamente alla Rappresentanza sindacale unitaria hanno replicato alle parole assai inopportune della direttrice Adele Biondaro che ha definito l’accordo «storico». I sindacati hanno, invece, sottolineato come il patto rappresenti il ripiego minimo alle richieste sindacali di assegnare le risorse del fondo della produttività al personale attraverso l’istituto delle progressioni economiche orizzontali che, in questo ente, sono assenti da oltre dieci anni.

Grazie a quest’accordo, con la busta paga di gennaio 2022 i circa 520 lavoratori in servizio nel 2020 riceveranno circa 450 euro mentre, sempre a gennaio 2022 ai lavoratori in servizio nel 2019 verranno ripartiti i 39.000 euro di residui dell’anno 2019 riapparsi, grazie a Fp Cgil, Fp Cisl e Fp Csa ed Rsu, sulla costituzione del fondo anno 2020.

«Purtroppo la direzione non convoca le Organizzazioni Sindacali per una trattativa seria sulle progressioni da oltre tre anni, limitandosi, per il primo anno dall’arrivo di questo consiglio di amministrazione, ad erogare le somme dell’esiguo fondo sotto forma di produttività. Il problema è sempre lo stesso: l’ente non avendo effettuato la valutazione del personale negli ultimi tre anni non ha creato le condizioni per la sottoscrizione di un accordo che prevedesse l’assegnazione delle Peo – spiegano i sindacati -. Un danno importante arrecato ai lavoratori da parte di un ente che lascia impunita una direzione di fronte a precisi obblighi normativi, creando inoltre le condizioni di continui contenziosi legali».

«Sorprende la posizione della Fpl Uil che, schieratasi apertamente contro tutte le altre organizzazioni sindacali e la Rsu, assolve le pesanti responsabilità dell’ente in nome delle buone relazioni sindacali – sottolineano ancora i sindacati -. Sorprende perché in contesti diversi la posizione della Fpl Uil di Verona è durissima di fronte a cose molto più minimali. Immaginiamo, infatti, se la posizione del “perdono” dell’ente si sarebbe verificata in contesti dove la Uil rappresenta degli iscritti. Forse questo spiega perché i lavoratori dell’Istituto Assistenza Anziani non si iscrivono a questo sindacato».

«A prescindere dalla richiesta di risarcimento del danno che partirà a breve dai lavoratori per le mancate valutazioni del personale, oggi stesso chiederemo all’ente di convocare a gennaio le organizzazioni sindacali per la definizione del contratto collettivo integrativo aziendale in cui sia prevista l’assegnazione delle Progressioni economiche orizzontali al personale a far data dal 1° gennaio 2022», concludono i sindacati.

Condividi con:

Articoli Correlati

Poste Italiane, i cittadini di Legnago, S. Bonifacio, Pescantina coinvolti nel progetto “Etichetta la cassetta”

massimo

Legnago, lutto nel mondo politico e sindacale per la scomparsa di Rolando Vedovelli

massimo

Scuola&Alimentazione, lanciato dalla sede Enaip il concorso “La salute nel piatto”

massimo

Verona, perde il controllo dell’auto e finisce contro un Tir colpendone il serbatoio: illeso ma strada chiusa per 3 ore

massimo

Salute, aperte le prenotazioni per le seconde dosi booster dai 12 anni in sù

massimo

Associazioni, i 50 anni dei “Veronesi nel mondo” e la “Giornata dei veneti nel Mondo”

massimo