24.4 C
Verona
25 Luglio 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, sventato uno spaccio di hashish e cocaina con coinvolti tre veronesi

Nel tardo pomeriggio di giovedì i militari della Sezione Operativa e della stazione di Verona Principale, impegnati in un servizio di prevenzione dello spaccio di stupefacenti, hanno notato una macchina di colore rosso effettuare ripetutamente alcuni giri nella zona di piazza Renato Simoni, decidendo così di monitorare i suoi movimenti. Hanno seguito la macchina finché la donna al volante non si è fermata in un parcheggio defilato, in zona San Massimo, per incontrarsi con un uomo che le ha subito consegnato un pacchetto molto sospetto. L’immediato intervento dei militari ha permesso di fermare le due persone constatando che l’uomo, un veronese di 48 anni con precedenti, aveva appena consegnato un “panetto” da 100 gr di hashish alla donna. I militari hanno perquisito la casa dell’uomo trovando ulteriori 100 grammi dello stesso stupefacente e 3210 euro in contanti, sequestrati poiché ritenuti provento di spaccio.

La vera sorpresa però è stato trovare in possesso della donna oltre 80 dosi, per un peso totale di 57 gr di cocaina nonché 4150 euro in contanti. Particolarmente curioso e segno di un’attività ben strutturata, è stato il nascondiglio in cui era nascosta parte della cocaina. Infatti, la donna aveva modificato la bottiglia di una nota bibita per farla apparire sempre piena, in verità all’interno aveva creato una cavità in cui nascondere lo stupefacente. Immediati accertamenti hanno inoltre permesso di individuare un terzo uomo, 46enne veronese ed incensurato, che “collaborava” nello spaccio con la donna. All’interno della sua abitazione sono stati trovati ulteriori 50 gr di cocaina, 112 di marijuana e 3 di hashish, nonché tutto il materiale per pesare e confezionare la droga. Per i tre è scattato l’arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e durante l’udienza di convalida, svoltasi quest’oggi, per i due uomini sono stati disposti rispettivamente l’obbligo di firma e i domiciliari.

Per la donna, che come gli uomini aveva atteso il processo in regime di arresti domiciliari, è stata confermata la misura ed anche questa mattina, prima del suo trasferimento in Tribunale, è stata trovata con addosso una dose di cocaina.

Condividi con:

Articoli Correlati

Tumore al pancreas, Verona e Roccella Jonica insieme per curarlo con una borsa di studio dedicata a Elisa

massimo

Bardolino, tedesco ricercato per omicidio doloso e furto arrestato dalla Polizia municipale

massimo

Viabilità, riaperta ieri la Provinciale 20 tra Nogara e Salizzole

massimo

Verona, 33 arresti contro la rete di criminali che rapinava, scippava, aggrediva persone davanti alla Stazione

massimo

Malcesine, precipita con il parapendio lanciandosi dal monte Baldo: morto

massimo

Verona, consegnate da Tosi e Bisinella al carcere di Montorio 11 tonnellate di piastrelle per rifare le docce

massimo