17 C
Verona
22 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, tolti i domiciliari al ristoratore accusato di evasione, violenza privata, minacce, utilizzazione illecita di manodopera

ristorante-ippopotamo-verona

Scarcerato il ristoratore veronese finito nei guai l’11 agosto con accuse che vanno dall’evasione fiscale e contributiva alla violenza privata, dalla violenza o minaccia per costringere a commettere un reato all’utilizzazione illecita e fraudolenta di manodopera, a reati in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Ieri, il giudice per le indagini preliminari Rita Caccamo ha revocato la misura di custodia cautelare ai domiciliati per l’ex rappresentante legale del ristorante “Ippopotamo” di piazza Bra, gestito ora da un curatore nominato dal Tribunale. Roberto Zanini, 52 anni, noto imprenditore veronese, è accusato di un’evasione fiscale e contributiva che sfiora i 3 milioni e la Procura ha disposto il sequestro di quote di 5 diverse società riferenti al ristoratore e di 21 conti correnti bancari. L’indagine, condotta dal sostituto procuratore Giulia Labia, è iniziata ancora nel 2013, dopo diversi esposti presentati da cuochi e camerieri che si sono avvicendati negli anni nel ristorante. Sarebbero, infatti, ben 170 i lavoratori stranieri e gli studenti che avrebbero subito minacce e sarebbero stati sfruttati dall’imprenditore: orari di lavoro di 14 ore, senza nemmeno un giorno di pausa al mese, una paga di 6 euro l’ora senza contributi. E minacce a chi osava chiedere qualcosa di più o solo parlare di diritti.

La revoca che si è basata su quanto prodotto dai difensori di Zanini, gli avvocati Giuseppe Pavan e Gianluca Spolverato, riguarda il reato di evasione. Sarebbe emerso che per sanare la posizione fiscale l’imprenditore aveva concordato un piano di rientro con l’Agenzia delle Entrate che in marzo era diventato operativo. E Zanini al momento dell’arresto aveva già onorato le prime due scadenze.

Nessun commento invece sulla vicenda che si riferisce alle segnalazioni dei dipendenti per minacce e sfruttamento.

Condividi con:

Articoli Correlati

San Bonifacio, alzato il ponte della Motta per far passare l’Alpone in piena

massimo

Maltempo, Soave conta i danni con oltre 170 abitazioni allagate fino al piano terra, una cantina devastata e 11 frane

massimo

San Pietro di Morubio, un morto nel ribaltamento di un’auto

massimo

San Bonifacio e Soave, attenti a finti tecnici di Acque Veronesi

massimo

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) secondo tra i giovani in Nations Cup

massimo

Meteo, nuova allerta in tutto il Veneto per forti piogge. “Rossa” nel Basso Veronese

massimo