8 C
Verona
20 Aprile 2024
Cronaca Cronaca In evidenza ultimaora Verona città

Verona, tre giorni da “bollino nero” per la viabilità a causa dei cantieri della Filovia

Previsti dalla Polizia Municipale e dai tecnici del Comune tre giorni da “bollino nero” per la viabilità a causa dei cantieri della Filovia. È quanto emerso l’altro ieri nella giornata di riunioni e lavori per rafforzare la segnaletica stradale nella zona interessata dal maxi-cantiere della filovia tra via Città di Nimes, la stazione e le circonvallazioni interne ed esterne. Dopo le prime 24 ore di attivazione sono già molti i veronesi ma anche migliaia i turisti ad aver provato il nuovo anello. Costante e capillare il controllo della zona da parte della Polizia locale per bloccare i tentativi di manovre vietate e pericolose da parte degli automobilisti.

Le giornate di “bollino nero” sono previste dalla Polizia locale tra oggi, mercoledì 26, e giovedì 27 e venerdì 28 aprile, tra le 7 e le 9 e le 17,30 e le 19,30. Grazie alla videosorveglianza e al lavoro della centrale operativa la situazione sarà monitorata H24 al fine di registrare eventuali criticità e di intervenire tempestivamente con soluzioni migliorative. La Polizia locale suggerisce di evitare il transito nella zona delle circonvallazioni interna ed esterna tra Porta Nuova e Porta Palio, con autovetture private, se non strettamente necessario tra le 7 e le 9 e le 17,30 e le 19,30.

Si consiglia, inoltre di procedere da subito ad individuare itinerari alternativi, anche più lunghi, che non prevedano il transito nel tratto interessato dal cantiere di via Città di Nimes. Per chi arriva in città dalla T4-T9 consigliata uscita Stadio e utilizzo dei parcheggi scambiatori gratuiti per poi raggiungere il centro con le linee 11, 12 e 13. Per chi arriva in città da Viale Piave consigliata uscita a destra in via Fedrigoni (prima del cavalcavia ferroviario) per raggiungere il Tribunale e la zona est della città. Questa manovra permette di evitare il nodo di Porta Nuova grazie alla nuova rotonda realizzata in Via Basso Aquar. Qualora sia necessario il transito nella zona interessata dal cantiere, anticipare sempre la partenza di circa 15/30 minuti, a seconda della lunghezza del proprio itinerario.

Durante l’effettuazione del cantiere, sarà data la massima priorità al trasporto pubblico locale, con corsie preferenziali videosorvegliate per aumentare la velocità commerciale: perciò è vivamente consigliato l’utilizzo dei bus urbani ed extraurbani. Nel caso non si intenda utilizzare il trasporto pubblico locale, utilizzare mezzi di trasporto alternativo alla macchina; in particolare, soprattutto per i percorsi più brevi, privilegiare spostamenti a piedi e veicoli a due ruote.

Ancora, rispettare sempre le indicazioni della segnaletica orizzontale e verticale e, soprattutto, degli agenti di Polizia locale. I pedoni dovranno seguire i percorsi individuati e gli attraversamenti pedonali. Non creare intralcio alla circolazione stradale, come il porre domande su strada in posizioni di fermata con veicoli che possano creare disagio agli altri utenti della strada. Per coloro che intendono raggiungere la stazione di Verona Porta Nuova con mezzi privati, occorre evidenziare la particolare criticità della zona e i possibili rallentamenti che potranno limitare l’accesso all’area e possibili disagi. Per chi deve accedere alla stazione di Verona Porta Nuova da Verona Sud si ricorda che è aperto l’accesso pedonale raggiungibile dal marciapiede di Stradone S. Lucia/Viale Piave.

In caso di transito di mezzi di emergenza e di soccorso pubblico, con segnali luminosi e acustici, si dovrà sempre concedere spazio alla loro circolazione nella nuova viabilità.

Condividi con:

Articoli Correlati

Legnago, domenica Tosi presenta la lista di Forza Italia per le Comunali

massimo

San Bonifacio, foto sbagliata su Primo Giornale: pubblicata quella di Pimazzoni al posto di Fiorio

massimo

San Bonifacio, la Liga Veneta Repubblica sostiene il candidato sindaco Fulvio Soave

massimo

Legnago, il sottosegretario Delmastro al convegno del candidato Longhi sulla sicurezza

massimo

Legnago, quattro arresti dei Carabinieri per spaccio di stupefacenti nella Bassa

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco