15.1 C
Verona
26 Maggio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Verona, webinar sulle Agromafie con l’ex pm Gian Carlo Caselli

Traffico di rifiuti, sversamenti illegali nelle campagne, sfruttamento dei lavoratori agricoli e produzioni alimentari controllate da gruppi criminali. Agricoltura e ambiente sono sempre più preda degli appetiti delle mafie che penetrano nel tessuto sociale dei territori e nei meccanismi che ne regolano l’economia, inquinandoli. La Camera di Commercio di Verona e Avviso Pubblico organizzano, oggi, lunedì 15 novembre, dalle 15 alle 17, un webinar aperto e gratuito, dal titolo “Agromafie ed Ecomafie”, per conoscere il fenomeno e imparare a contrastarlo.

È la quinta tappa del percorso formativo promosso dalla Consulta della Legalità della Camera di Commercio di Verona, che si propone di trattare la conoscenza del fenomeno mafioso e del suo agire, in particolare nel settore economico, e di presentare buone pratiche di contrasto e prevenzione già messe in atto in altri territori dello stato italiano. Il programma prevede gli interventi di Gian Carlo Caselli, presidente Comitato scientifico Fondazione “Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare” di Coldiretti; Antonio Pergolizzi, saggista, giornalista e curatore del Rapporto Ecomafie di Legambiente. L’incontro sarà moderato da Roberto Fasoli, componente della Commissione consultiva di Avviso Pubblico.

Condividi con:

Articoli Correlati

Mezzane di Sotto, l’impoverimento della biodiversità porta ad un calo di aziende agricole

massimo

VeronaFiere, inaugurata l’ottava edizione di Vapitaly, rassegna internazionale della sigaretta elettronica

massimo

Verona, maxi controllo della Polizia Locale sugli autobus Atv: in più di 100 senza biglietto

massimo

Pallacanestro, il Legnago Basket conquista la promozione in Serie D

massimo

Verona, patto educativo con al centro la sostenibilità tra l’istituto Gresner e otto realtà della provincia

massimo

I sindacato del Veneto contro la proposta del governo di privatizzare Poste Italiane

massimo