8 C
Verona
7 Dicembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Villafranca, con 10 tra medici e infermieri infettati a rischio l’ospedale Covid

Con 4 pneumologi su 6 infettati dal Coronavirus, più almeno 6 infermieri a casa con sintomi, a Verona rischia di non poter essere trasformato in centro Covid l’ospedale Magalini di Villafranca. A dare la notizia oggi è stato lo stesso presidente della Regione Veneto, Luca Zaia: «All’ospedale di Villafranca abbiamo 4 pneumologi su 6 infettati dal Covid. È chiaro che così è difficile farlo partire come ospedale Covid».

Una vicenda che diventa però subito un caso regionale con i rappresentanti sindacali di medici ed infermieri che accusano: «Sono passati 5 mesi dalla prima emergenza ma ancora una volta si arriva a fare i piani all’ultimo minuto, senza risorse e personale», afferma Sonia Todesco della Cgil. «Manca una cabina di regia regionale, con Ulss, aziende ospedaliere, ospedali privati parificati che vanno in ordine sparso e spesso si “rubano” professionalità – gli fa eco Marco Bognin, segretario organizzativo della Funzione Pubblica della Uil di Verona -. E questo vale soprattutto per la gestione del personale. Dopo 10 anni in cui non si sono fatte assunzioni mentre medici e primari andavano in pensione, l’Azienda Zero è partita con dei concorsi che termineranno a fine novembre».

«Tornando al caso di Villafranca, è dalla fine della settimana scorsa che questi 4 medici sono a casa in malattia perché risultati positivi al Covid – sottolinea Bognin-. E questo accade proprio mentre l’Ulss 9 si preparava a trasformare in centro Covid l’ospedale Magalini, come accaduto nella prima ondata della pandemia tra marzo e aprile. Sappiamo che l’operazione in realtà è già partita, anche se non c’è ancora un documento ufficiale dell’Ulss, visti gli spostamenti di medici da altri reparti a quello Covid».

Oggi l’ospedale di Villafranca opera in parallelo con una terapia intensiva Covid da 3 posti letto ufficiali, tutti occupati da giorni, ed altri non Covid che, però, in caso di necessità possono essere trasformati in Covid. «In realtà è quello che sta già accadendo . riprende Bognin – anche perché dal piano regionale, raggiunti i 120 posti letto in Veneto di terapia intensiva Covid scatta il cosiddetto semaforo giallo, che vuol dire che Ulss ed Aziende Ospedaliere devono prepararsi al peggio. A 150 posti letto Covid scatta il rosso e nel piano Villafranca deve diventare tutto centro Covid, interrompendo il resto dell’attività».

Il problema, ora, è il personale per mandarlo avanti l’ospedale Covid. Oggi, solo Pneumologia ha 41 ricoverati, dei quali 32 in reparto e 9 in terapia intensiva, compresi quello colpiti dal virus. E la storia non riguarda solo Verona: «In Veneto abbiamo 82 medici infettati», ha detto sempre Zaia, difendendosi: «Non è una tragedia ma bisogna fare più attenzione».

«Zaia doveva aggiungere che ci sono anche 450 tra infermieri ed Operatori socio sanitari colpiti dal Covid e quindi a casa, o addirittura ricoverati, in tutta la Regione – conclude Todesco -. Quindi siamo in doppia emergenza in una fase veramente critica perché dalla scorsa settimana medici ed operatori dicono che l’arrivo di ammalati con sintomi Covid è in forte crescita. In teoria l’ospedale di Villafranca può arrivare a 20 posti letto di terapia intensiva Covid ed altrettanti di subintensiva. Basta che ci siano medici ed infermieri per mandarli avanti».

Condividi con:

Articoli Correlati

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo

Primo Giornale in distribuzione nel Basso Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco