26.2 C
Verona
13 Luglio 2024
Cronaca In evidenza ultimaora

Villafranca, Rigo e Lanzarin in visita all’ospedale: «Si sta tornando alla normalità»

«Come annunciato, dopo l’emergenza sanitaria Covid, l’ospedale di Villafranca sta gradualmente tornando alla normalità. E a dimostrazione dell’attenzione che la Regione del Veneto ha sempre rivolto a questa struttura sanitaria, è anche la visita a Villafranca «Come già annunciato nei giorni scorsi dal direttore generale dell’Ulss 9 Scaligera, Pietro Girardi, in questi giorni l’ospedale di Villafranca sta, passo dopo passo, tornando alle sue attività ordinarie. La parentesi del Covid non si è certo conclusa, ma poco per volta, con il diminuire della pressione dell’epidemia, si riprenderanno tutti i dipartimenti».

L’ha ribadito oggi l’assessore regionale alla sanità, Manuela Lanzarin, visitando l’ospedale di Magalini di Villafranca che durante l’apice della pandemia è stato centro Covid. Accompagnata dal veronese Filippo Rigo, vicecapogruppo di Liga Veneta per Salvini premier in consiglio regionale del Veneto, e da diversi amministratori locali, Lanzarin ha visitato diversi reparti.

«La sanità regionale, che tanto duramente è stata messa alla prova nel corso degli ultimi mesi, sta tornando alla normalità – ha assicurato l’assessore -. E questo è stato possibile anche ai numerosi investimenti fatti dalla Regione che, anche negli ultimi mesi, ha dotato l’ospedale di nuove attrezzature e macchinari per la diagnostica, attirando anche la generosità di chi ha voluto fare donazioni a favore del Magalini. Acquisti che rientrano perfettamente in un piano di sviluppo che, ancora una volta, dimostra quanto questo ospedale sia strategico per tutti i comuni dell’area villafranchese».

I primi reparti a riaprire, nei giorni scorsi, sono stati il day surgery, con 10 posti letto, l’area medica non Covid (anche in questo caso parliamo di 10 posti letto), la continuità assistenziale pediatrica e le attività di week surgery, dopo un’accurata bonifica e sanificazione delle aree di degenza Covid. Lunedì, poi, riaprirà il punto nascita, il dipartimento chirurgico e il dipartimento intensivo.

«Queste attività, quindi, torneranno ad affiancarsi alla cura dei pazienti Covid, per cui verranno comunque mantenuti alcuni posti letto, naturalmente nel pieno rispetto della sicurezza dei pazienti degli arti reparti. Sempre dalla prossima settimana, inoltre, partiranno i lavori di adeguamento tecnico-impiantistico al terzo piano – ha concluso il consigliere regionale Rigo -. La Regione, quindi, continua a investire e a migliorare il nostro ospedale. Una realtà dei fatti che mette in luce il comportamento irresponsabile di alcuni esponenti politici locali del PD veronese che, per fini elettorali, hanno fomentato le ansie dei cittadini. Ed è ancora più grave se pensiamo che, mentre fuori dall’ospedale c’era chi si scatenava in sterili polemiche, dentro i reparti del Magalini sono state curate circa 1200 persone dall’inizio dell’emergenza sanitaria, nel febbraio 2020. Un superlavoro per cui dobbiamo ringraziare medici, infermieri e tutto il personale che si è adoperato per salvare vite umane».

Condividi con:

Articoli Correlati

Albaredo d’Adige, scomparso l’ex sindaco Erminio Guzzo: fu l’ultimo della Dc

massimo

Verona, un morto sulla Serenissima questa notte nello scontro tra due auto

massimo

Verona, festa della Cgil venerdì sabato e domenica nell’area verde davanti alle Piscine Santini

massimo

Legnago, scintille tra Ambrosini e il neosindaco Longhi nel primo consiglio della nuova amministrazione

massimo

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, qui sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Ciclismo, Magagnotti (Autozai Contri) è campione europeo nell’inseguimento a squadre

massimo