5.2 C
Verona
9 Dicembre 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Vinitaly, la Cia agricoltori: «Bene il rinvio ma serve un evento sul vino in autunno»

«La decisione di Veronafiere era inevitabile, perché l’emergenza Coronavirus è esplosa in tutto il mondo e prima bisogna uscirne, poi si riparte. Tuttavia Vinitaly è importantissima per Verona. Quindi sarà fondamentale non lasciare sola la città e prima possibile occorrerà dare un segnale all’universo del vino italiano e mondiale per ricordare che la capitale vitivinicola è in riva all’Adige». Lo chiede Mirko Sella, vicepresidente di Cia agricoltori Italiani Verona, che aggiunge: «Verona non può permettersi di passare un anno sabbatico fino al 2021. È giusto fermarsi ora, ma poi, già quest’anno, bisogna lavorare seriamente per dare delle risposte che il mondo del vino attende. Va bene la promozione all’estero annunciata da Veronafiere, ma non basta: si dovrebbe pensare a un evento in autunno, anche in versione ridotta, per dare un segnale al mondo enologico italiano e consentire di organizzare la commercializzazione delle nostre etichette per Natale e per l’anno prossimo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Primo Giornale in distribuzione nell’Est Veronese, sempre scaricabile e sfogliabile

mirco

Cerea, con la moto contro un’auto: un ferito grave a San Vito

massimo

S.Bonifacio, l’ex ospedale passerà al Comune che darò all’Ulss il terreno per la Casa della Comunità

massimo

Legnago, oltre 80 imprenditori alla serata organizzata dall’europarlamentare Borchia sule politiche Ue per l’energia

massimo

Verona, incidente tra due auto in corso Cavour con un ferito grave

massimo

Sona, finisce con l’auto contro un albero: è in gravi condizioni

massimo