19.5 C
Verona
25 Settembre 2022
Economia In evidenza ultimaora

Viticoltura, tra due settimane il via alla vendemmia 2021 ma manca la manodopera

Conto alla rovescia per la vendemmia 2021 nel Veronese, che inizierà con il Chardonnay tra un paio di settimane per poi proseguire con il Pinot Grigio e a seguire Garganega nel Soave, Custoza, Valpolicella e Bardolino. Le prospettive, ad oggi, sono positive: annata buona, uve sane, produzione nella media. L’unico interrogativo è legato alla manodopera, che risente dei problemi legati alla pandemia ed al modo green pass. Ogni anno in Veneto sono oltre 14.000 gli stagionali agricoli che arrivano da Romania e Bulgaria. Il picco degli arrivi corrisponde proprio a quello della vendemmia, con 4.000 presenze tra Verona e Treviso.

«La vendemmia 2021 si prospetta con un ritardo della maturazione di circa una decina di giorni guardando al 2020 e al 2019, ma con un’ottima qualità delle uve e una produzione maggiore di circa il 2% rispetto alle altre regioni che vede il Veneto in controtendenza rispetto al resto del Paese – sottolinea Christian Marchesini, presidente dei viticoltori di Confagricoltura Verona e del Consorzio di tutela Valpolicella -. Prevedo invece qualche difficoltà sul fronte della manodopera. Molti lavoratori dell’Est, in primis i romeni ma anche moldavi e polacchi, sono scomparsi dal lockdown della scorsa primavera e gli italiani, dopo il ritorno nei campi dell’anno scorso di persone di tutte le età rimaste senza occupazione in conseguenza dell’emergenza Covid, sono tornati alle abituali occupazioni nella ristorazione o nel turismo. La raccolta in Valpolicella comincerà a metà settembre e c’è ancora tempo per reperire personale, ma un po’ di preoccupazione c’è visto che la raccolta, soprattutto per l’uva da Amarone, è tutta manuale ed esige operai con esperienza, in quanto si devono selezionare i grappoli migliori».

«Tante aziende vitivinicole, come la mia, hanno assunto in pianta stabile da mesi i lavoratori dell’Est europeo, soprattutto romeni, per evitare di trovarsi nei guai durante la vendemmia – spiega Mirko Sella, presidente dei viticoltori di Cia-Agricoltori Italiani Verona -. Ma molte altre sono scoperte. Gli italiani, che erano stati presenti l’anno scorso, non ci saranno, perché il lavoro agricolo è visto da loro come un ripiego o l’ultima spiaggia, mai come prospettiva di lavoro stabile. Ci sono grosse cantine che impiegavano parecchi studenti, ma che quest’anno faticano a trovare candidature. E gli stagionali non mancano solo per la raccolta, ma anche per le semplici operazioni di cantina, come la gestione dei carichi e della parte burocratico-amministrativa. Per quanto riguarda gli stranieri, gli arrivi dai Paesi dell’area Schengen non sono difficoltosi, in quanto bastano il tampone e una quarantena di 5 giorni. Il problema, però, è che preferiscono zone più remunerative, come la Germania, dove lavorano più a lungo e guadagnano di più».

Franco Cristoforetti, neo presidente del settore vitivinicolo di Confagricoltura Verona e presidente del Consorzio di tutela Bardolino e Chiaretto, ha meno timori: «Nel nostro territorio la meccanizzazione ha preso parecchio piede e inoltre molte aziende hanno lavoratori stranieri fissi, che vengono impiegati per tutta la durata dell’anno durante le diverse lavorazioni. Vedremo comunque a fine agosto, quando si faranno i contratti per gli stagionali. Assistiamo a un acceso dibattito sul green pass, ma per quanto ci riguarda riteniamo difficile che venga reso obbligatorio, in quanto creerebbe un problema per il reperimento del personale. Peraltro per il lavoro in campagna avrebbe poco senso, dato che si svolge per la maggior parte all’aperto. Intanto, posso dire che nel territorio del Bardolino la vendemmia si prospetta buona, media come quantità, con un ritardo di dieci giorni: verso il 6 settembre partiremo con Pinot Grigio e Chardonnay, dopo il 25 con il Bardolino. La differenza d’ora in avanti la farà tutto il meteo: servono sole e caldo di giorno e fresco di notte».

Condividi con:

Articoli Correlati

Buttapietra, due operai cadono dall’alto in un cantiere: sono gravi

massimo

San Bonifacio, bimbo di 7 anni investito in piazza Costituzione

massimo

Veronafiere lancia la nuova manifestazione “Fieragricola Tech”, dedicata all’innovazione in agricoltura

massimo

Velo Veronese, uomo di 73 anni investito da un trattore: è grave

massimo

Bovolone, donato dal Comune all’ospedale S. Biagio un ecografo

massimo

Legnago, nuovo caso umano di West Nile Disease scoperto il 16 settembre

massimo