23.4 C
Verona
22 Luglio 2024
Economia Economia Economia Est Veronese In evidenza ultimaora Valpolicella

Vitivinicoltura, i Consorzi chiedono alla Regione più fondi per promuovere le Doc

marchesini

«Più fondi ai Consorzi di tutela per promuovere le doc». È la richiesta principale presentata oggi dai principali Consorzi di tutela delle doc venete nell’incontro promosso da Confagricoltura Veneto nella sede di Padova, al quale hanno preso parte Giuseppe Pan, assessore regionale all’agricoltura e Alberto Zannol, dirigente della Regione Veneto.

Più supporto ai Consorzi di tutela, con aiuti dal punto di vista finanziario per le attività promozionali. E tutela a livello internazionale dei marchi, che rischiano di essere gravemente danneggiati dalla concorrenza sleale dei vini taroccati, venduti con nomi che evocano quelli della grande tradizione italiana. Sono queste le richieste messe sul tavolo nell’incontro con l’assessore regionale al quale hanno partecipato Christian Marchesini (presidente del Consorzio Valpolicella e del settore vitivinicolo di Confagricoltura Veneto); Elisa Orrico (responsabile tecnico del Consorzio Colli Berici); Andrea Cavazza (settore vitivinicolo di Confagricoltura Vicenza);  Armando Serena (presidente del Consorzio Asolo Montello); Innocente Nardi (presidente del Consorzio Conegliano Valdobbiadene); Luca Giavi (direttore del Consorzio Prosecco doc); Arturo Stocchetti (presidente del Consorzio Soave); Franco Cristoforetti (presidente del Consorzio Bardolino), Emanuele Calaon (presidente del Consorzio Colli Euganei); Elisa Orrico (responsabile tecnico del Consorzio Colli Berici). Erano presenti anche Gianluca Fregolent dell’Icqrf (ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari) ed Ezio Pelisetti, Denis Giorgiutti e Guido Giacometti degli enti di certificazione (Valoritalia, Valoria e Siquria).

L’assessore Giuseppe Pan ha assicurato il massimo supporto: «Tavole rotonde come queste sono molto importanti per il mondo del vino veneto, che fa girare un terzo dell’economia dell’intera regione. Come Regione stiamo investendo molto con una misura del Piano di sviluppo rurale che ha messo a disposizione 11 milioni per la promozione del comparto. Le risorse vanno, però, finalizzate nei mercati in cui questi prodotti stanno avendo una marcia in più e in un rafforzamento della presenza alle fiere più importanti, come Prowein e Vinitaly. Quello che, a mio parere, è emerso oggi di interessante è che il settore vitivinicolo sta facendo uno sforzo importante per la sostenibilità, che significa più attenzione al territorio, anche puntando alla modifica di disciplinari che prevedano una revisione delle produzioni per dare più qualità e serenità ai consumatori finali. Le previsioni dicono che una bottiglia su tre, entro il 2020, arriverà da agricoltura sostenibile o biologica».

«I consorzi di tutela sono fondamentali per la gestione delle doc storiche e di quelle più recenti – ha spiegato Christian Marchesini -, che hanno portato il Veneto ad essere non solo la prima regione vitivinicola italiana, ma anche il quarto esportatore mondiale di vino in termini di valore e il sesto per volumi. Per questo chiediamo alla Regione un sostegno dal punto di vista promozionale, che rimane il cardine per il successo delle denominazioni, e anche un supporto nella lotta alla contraffazione, che trova ampi spazi di espansione sui mercati emergenti, terreni facili nello spacciare il falso made in Italy a consumatori non ancora esperti. Infine, nei prossimi anni ci attendono sfide importanti, dal miglioramento della qualità alla sostenibilità, valore aggiunto ineludibile per andare incontro alle richieste dei consumatori orientati verso prodotti a basso impatto ambientale. Anche in questo è importantissimo che la Regione sia al nostro fianco».

Arturo Stocchetti, presidente del consorzio di tutela del Soave e dell’Uvive (Unione vini veneti), ha sottolineato l’importanza di fare più aggregazione tra consorzi: «Bisogna smantellare i campanili e puntare a una promozione più univoca, perché è l’arma più potente che abbiamo. Siamo la quarta potenza al mondo dell’export di vino e dobbiamo esserlo anche nel promuoverci. Va in questa direzione il lavoro che stiamo facendo con l’università per creare una certificazione veneta, unica per tutte le denominazioni, che può darci una marcia in più nei confronti dei nostri competitor nel mondo».

Condividi con:

Articoli Correlati

Ciclismo, l’Autozai Contri domina il Giro del Veneto Juniores: tre vittorie su 4 tappe e Valjavec campione

massimo

Soave, la città murata per la terza volta al centro di un servizio della Rai: stavolta una puntata di “Camper”

massimo

Legnago, la rassegna culturale “Estate al Fioroni” ospita il vescovo Pompili

massimo

Verona, lutto nel mondo economico: è scomparso Tullio Poli per anni segretario della Camera di Comercio

massimo

Ciclismo, Valjavec (Autozai Contri) domina la tappa dolomitica e si incorona re del Giro del Veneto Juniores

massimo

Bosco Chiesanuova, con la bici finisce incastrato sotto un’auto: è in gravi condizioni

massimo