30.4 C
Verona
17 Agosto 2022
Cronaca In evidenza ultimaora

Salute, colloqui individuali con gli esperti del Sacro Cuore per la giornata mondiale del sonno

«Il Covid-19 ha tolto ai veronesi anche il riposo notturno, visto che negli ultimi due anni il Centro di medicina del sonno dell’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar ha registrato un incremento di richieste di visite del 30%». Ad affermarlo è il dottor Gianluca Rossato (nella foto), responsabile del Centro, alla vigilia della Giornata mondiale del sonno che si celebra il 18 marzo. In occasione di questo evento annuale, il dottor Rossato e i suoi collaboratori sono a disposizione della popolazione sabato 19 marzo. I colloqui individuali e gratuiti si tengono al Centro diagnostico terapeutico di via san Marco 121 (Verona, area del Centro polifunzionale Don Calabria) dalle 9 alle 12,30. Obbligatoria la prenotazione scrivendo all’indirizzo e-mail: centrodelsonno@sacrocuore.it.

«In media all’anno effettuiamo 1.500 visite, ma dall’inizio della pandemia registriamo un incremento di almeno il 30% delle richieste – spiega il dottor Rossato -. Sono in genere adulti che soffrono d’insonnia a causa dello stress che tutti, più o meno, abbiamo vissuto durante gli ultimi due anni. Stress dovuto alla paura dell’infezione per sé e per i familiari; allo smart working che in molti casi ha comportato una dilatazione delle ore lavorative; alla preoccupazione di perdere il lavoro ma anche, in questo periodo, al timore, ritornando in ufficio, di non saper riprendere la vecchia quotidianità».

Secondo recenti studi, in questa epoca di pandemia, e in particolare durante il lockdown, i ritmi sonno-veglia si sono alteranti in media di un’ora, influendo inevitabilmente sulla qualità del sonno, con la comparsa o l’aumento dell’insonnia. «A tutto questo si deve aggiungere anche un maggiore uso, per lavoro o studio, dei dispositivi elettronici (computer, smartphone, tablet) la cui luminescenza può comportare un’alterazione della produzione della melatonina, così come passare la gran parte della giornata al chiuso, sotto la luce artificiale», sottolinea il neurologo.

Le conseguenze indirette del Covid sulla salute del sonno degli italiani si accompagnano a quelle dirette. «Ci sono persone guarite dalla malattia che lamentano di avere paura di addormentarsi perché ricordano le difficoltà respiratorie che si presentavano soprattutto nelle ore notturne – riprende il medico -. Altri invece riportano che dopo l’infezione fanno fatica ad addormentarsi o si svegliano frequentemente. Si ipotizza che l’interessamento da parte del virus SARS CoV-2 delle cellule nervose che abbiamo visto con i disturbi del gusto e dell’olfatto, per esempio, incida anche sul sonno».

Cosa fare per porvi rimedio? «Se i disturbi sono emersi da poco tempo è utile assumere melatonina. Il nostro ospedale, tra l’altro, effettua anche il dosaggio salivare di questo ormone cronotropo, cioè capace di orientare il ritmo sonno-veglia – risponde il dottor Rossato -. Se invece perdurano, è necessario informare del problema il proprio medico che nel caso prescriverà una visita da uno specialista».

Condividi con:

Articoli Correlati

Mezzane di Sotto, lavori per 650 mila euro per due scogliere ed una griglia antiesondazione sul torrente

massimo

Autostrada del Brennero, incidente con un ferito grave e code in direzione Nord

massimo

Rivoli Veronese, ciclista deceduto dopo essere stato investito da un’auto

massimo

Politiche 2022, i candidati del Pd nel Veronese: all’Uninominale alla Camera Foglia di Valeggio e Sterchele di S. Bonifacio

massimo

Malcesine, sabato si inaugura la mostra del pittore Athos Faccincani

massimo

Brenzone, cadono in modo da soli: due feriti gravi

massimo